Background ADV
Notice
  • Simple Image Gallery Pro Notice: Joomla!'s /cache folder is not writable. Please correct this folder's permissions, clear your site's cache and retry.
  • Domenica 24 Febbraio 2019 - Aggiornato alle 02:45

Metro leggera, Ruberto: obiettivo luglio 2015, ma la Regione è sorda

Tecnici del Comune a Bruxelles per collaudare i bus, vanno immatricolati entro fine anno

Comincia la corsa contro il tempo. Mentre il Consiglio Comunale era impegnato nell'approvazione del Bilancio di Previsione, negli uffici al piano di sopra cominciava il countdown per la metropolitana leggera. La scadenza del 31 dicembre si avvicina a grandi falcate e l'immatricolazione dei bus diventa sempre più urgente. Entro quella data, infatti, vanno registrati gli undici mezzi commissionati dal Comune di Avellino alla ditta belga Van Hool perché, dal 1° gennaio 2015, entrerà in vigore la nuova normativa europea sull'inquinamento che prevede la circolazione di mezzi E6. Di conseguenza quelli che serviranno per la metro leggera (di categoria E5) non potranno essere immatricolati nell'anno nuovo, ma andrà fatto obbligatoriamente entro il 31 dicembre.

In questi giorni il Rup, Daniele Ercolino, e alcuni funzionari dell'ente si trovano a Bruxelles per verificare il collaudo dei bus (di cui uno giĂ  venne consegnato nei mesi scorsi).
«Questa operazione va fatta entro il 31 dicembre e sarà funzionale il sopralluogo che è stato fatto dai tecnici del Comune a Bruxelles per verificare il collaudo di questi autobus. Successivamente dovrebbero arrivare per l'immatricolazione», spiega l'assessore alla Mobilità, Giuseppe Ruberto, sottolineando come i problemi legati alla metropolitana leggera non riguardano solo l'immatricolazione dei mezzi. «Questo è solo il primo, poi ce n'è un altro che potremmo definire primo-bis, perché siamo quasi sullo stesso piano e infine quello legato alla gestione del servizio».

Il problema cosiddetto primo-bis risiede a Palazzo Santa Lucia perchĂ© la Regione non ha ancora erogato la sua quota di cofinanziamento dell'opera di circa 9 milioni, cioè il 40% del costo complessivo della metro leggera (la restante parte è in capo al Ministero delle Infrastrutture e giĂ  erogata). Ad aprile la Regione ha deliberato in merito all'erogazione dei fondi, ma «non è stato attuato ancora nulla in concreto. Con Vetrella c'è giĂ  stato un confronto, a breve andremo a parlare anche con l'assessore regionale Russo per chiedere un impegno chiaro in questo senso».

Se i primi due problemi sono legati alla messa su strada degli undici bus e la completamento dell'opera, la terza problematica riguarda la gestione del servizio, cioè il funzionamento della metropolitana leggera. «Il piano che abbiamo predisposto prevede un costo di circa 1,1 milioni all'anno – spiega Ruberto. Questo importo sfiora quello che è già il budget complessivo che ha a disposizione il Comune per il trasporto pubblico locale. Poiché si tratta di linee che non vanno a sovrapporsi tra di loro, ci vuole un piano complessivo di trasporto che, anche attraverso i parcheggi di interscambio e una gestione nuova della sosta, dovrebbe arrivare al reperimento di risorse». Un problema che riguarda da vicino anche l'A.Ir trasporti visto che sarà l'azienda locale a doversi incaricare della gestione e funzionamento della metropolitana leggera.
«L'Air è interessata a fare un discorso di gestione che sia sostenibile – spiega Ruberto – cioè che abbia un'individuazione chiara di quelli che sono gli introiti che dovrebbero finanziare il funzionamento di questa struttura».

L'obiettivo dell'amministrazione comunale è quello di far entrare in funzione la metropolitana leggera entro luglio 2015, ma per farlo serve la collaborazione della Regione. «Stiamo affrontando da mesi questi problemi, ma non c'è un interlocutore che va nella nostra direzione denuncia Ruberto – anzi tende ad essere sordo, laddove invece dovrebbe fare la sua parte visti gli impegni contrattuali assunti. Rispetto a questo noi ci dobbiamo muovere in prima battuta e in contemporanea pensare a un discorso con l'A.Ir di finanziamento della gestione, auspicando che il nuovo governo regionale sia più sensibile rispetto alla problematica del trasporto pubblico a basso impatto ambientale».

Ultima modifica ilGiovedì, 02 Ottobre 2014 00:41

Galleria immagini

{gallery}2054{/gallery}

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.