Background ADV
  • Lunedì 11 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 16:08

"Lavorare su ceramica è stata una sfida che ho accettato nel segno di Giacomo"

Il backstage dell’artista avellinese Gennaro Vallifuoco durante la realizzazione dell’opera d’arte posta all’ingresso del Pala del Mauro in ricordo dello sfortunato Giacomo

"Lavorare su ceramica è stata una sfida che ho accettato nel segno di Giacomo"

Sabato scorso al Pala Del Mauro la celebrazione del trentennale della scomparsa di Giacomo Del Mauro. Allo sfortunato atleta irpino scomparso nel 1987 a cui è intitolato il palazzetto dello sport, la famiglia ha voluto dedicare un'opera d'arte, un disegno di 25 metri quadri, realizzata su ceramica affissa all'esterno della struttura che racconta della vita di Giacomo. A realizzarla l'artista avellinese Gennaro Vallifuoco che in un'intervista al collega Paolo Spagnuolo spiega come nasce l'opera, cosa vuole esprimere e quale tecnica è stata utilizzata per la realizzazione.

"La scelta della ceramica su piastrelle è stata determinata perché l'opera è allocata all'esterno. Garantisce durabilità e permanenza. E' una sfida, sull'esempio di Giacomo è giusto accettarle, nonostante non sia un ceramista. Sono alla prima esperienza quasi. E' una tecnica antichissima, ha in se una grandissima magia. Il ceramista non vede il risultato finale fino a quando le mattonelle non escono dal forno della cottura. Si tratta di una grande magia che spinge oltre i limiti di quanto si vede ad occhio nudo".

Vi invitiamo a guardare ed ascoltare l'intervista a Gennaro Vallifuoco

Ultima modifica ilGiovedì, 12 Ottobre 2017 21:02

Articoli correlati (da tag)

1 commento

  • Gennaro
    Gennaro Venerdì, 13 Ottobre 2017 08:34 Link al commento

    Ottimo. Lavoro eccezionale. Sempre attento alla persona ed alla sua umanitĂ  e specificitĂ 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.