Background ADV
  • Giovedì 18 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 05:43

Interdittiva antimafia per la piscina comunale: rescissione imminente, si va verso la chiusura

Con i fratelli Cesaro in carcere, anche la struttura di via De Gasperi colpita dall'interdettiva emessa dalla Prefettura di Napoli

Interdittiva antimafia per la piscina comunale: rescissione imminente, si va verso la chiusura

Anche la Polisportiva Avellino Ă¨ stata raggiunta dall'interdittiva antimafia. A stabilirlo è stata la prefettura di Napoli. Tutte le polisportive riferibili al gruppo Cesaro avevano giĂ  ricevuto il provvedimento, quella avellinese fino ad oggi l'aveva evitata per la diversa denominazione. Il project financing con l'allora sindaco Giuseppe Galasso fu stipulato dalla polisportiva Sant'Antimo che gestisce gli altri impianti, per la struttura di via De Gaspersi nel tempo c'è stata la cessione alla Polisportiva Avellino sempre riconducibile ai fratelli Cesaro entrambi in carcere accusati di concorso esterno in associazione mafiosa.  

GiĂ  vessata di una massa debitoria di circa 800mila euro nei confronti del comune di Avellino, debiti verso l'erario e la previdenza sociale per un totale di circa 2 milioni di euro, la rescissione del contratto per la gestione della struttura inaugurata nel 2006 e concessa per 99 anni alla famiglia Cesaro dalla giunta Galasso, sembra inevitabile. Un problema di non poco conto per la futura amministrazione comunale che dovrĂ  obbligatoriamente emanare un bando nuovo per la gestione e nel frattempo garantirne il funzionamento per evitare possa fare la stessa fine delle strutture abbandonate in cittĂ . 

In queste ore l'assessore al Patrimonio in carica Paola Valentino ha incontrato i legali del gruppo Cesaro. L'obiettivo è non chiudere la struttura per non perdere la stagione estiva, evitando quindi di accumulare ulteriori debiti e tutelare i dipendenti. I legali, consapevoli della rescissione inderogabile si sarebbero offerti di tenere aperta la piscina comunale fino alla consegna della struttura al nuovo aggiudicatario. Soluzione che dovrà essere valutata istituzionalmente e legalmente.

 

Ultima modifica ilGiovedì, 07 Giugno 2018 23:06

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.