Background ADV
  • Lunedì 24 Settembre 2018 - Aggiornato alle 20:05

Nasce Hearth Avellino: un’app per mettere in mostra le bellezze e i servizi della città

L’assessore Carmine De Angelis illustra l’iniziativa e su Agenda Digitale spiega: “non sarà solo un portale turistico, ma la possibilità di mettere in rete progettualità condivise”

Nasce Hearth Avellino: un’app per mettere in mostra le bellezze e i servizi della città

Nasce Hearth Avellino, l'app per mettere in rete bellezze e servizi della città. L'iniziativa illustrata dall'assessore ai fondi europei e all'Area Vasta, Carmine De Angelis: «si tratta di un'app molto semplice da usare utile a mettere in rete il patrimonio comunale sia dal punto di vista dei beni architettonici e storici che per quanto riguarda i servizi commerciali. Ogni titolare di esercizi commerciali infatti potrà usarla come propria vetrina, permettendo la geolocalizzazione di ogni servizio».

Il delegato della giunta Ciampi annuncia novità anche su Agenda digitale: «nello spirito della continuità amministrativa, il progetto realizzato dalla vecchia amministrazione e finanziato con i fondi di rotazione, andrà avanti ma con qualche modifica. Non sarà solo un portale turistico ma dovrà aprirsi a nuovi strumenti come l'Open democracy, cioè la possibilità per i cittadini di fare proposte al comune e ricevere dagli uffici risposta immediata. Inoltre Agenda digitale dovrà dare respiro anche alla pianificazione dei Comuni dell'Area Vasta e, su questo stiamo valutando, dare la possibilità ai cittadini di pagamento diretto alla pubblica amministrazione».

In mattinata intanto la giunta ha approvato le manifestazioni di interesse per i bandi Urban Innovative Actions, Horizon 2020 ed Erasmus Plus. «Le call si apriranno ad ottobre per fare in modo che ci sia una progettazione più innovativa rispetto alle precedenti – spiega ancora De Angelis- la manifestazione di interesse scadrà a fine settembre, poi bisognerà elaborare un progetto per l'accesso diretto ai fondi europei previsti. Fondamentale sarà la condivisione anche per fare rete con gli altri comuni. In particolare il bando Uia ha tre grandi potenzialità: rigenerazione urbana, ruralità e innovazione. Temi su cui società civile, associazioni e comuni, possono dare un contributo per una messa in rete di progettualità».

Ultima modifica ilMercoledì, 22 Agosto 2018 10:11

Video

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.