Background ADV
  • Martedì 13 Novembre 2018 - Aggiornato alle 05:32

Comune, Luongo: "Trasformista è chi cambia posizione in due mesi. Noi autonomi, coerenti e alternativi ai Cinque Stelle"

Il consigliere di Insieme Protagonisti con il gruppo che lo ha sostenuto alle amministrative motiva la scelta di consegnare sei proposte a Ciampi per le linee programmatiche: “nessun alibi ai Cinque Stelle, responsabili nei confronti della città, siamo noi il vero cambiamento. Lunedì valuteremo senza scambi di poltrone o presidenze di commissioni”

Comune, Luongo: "Trasformista è chi cambia posizione in due mesi. Noi autonomi, coerenti e alternativi ai Cinque Stelle"

"Non è un'alleanza, nessun tentativo di entrare in maggioranza o scambio di poltrone. La nostra è una posizione responsabile nei confronti della cittĂ  di Avellino che vive una condizione pessima e deve essere amministrata". Il consigliere comunale di Insieme Protagonisti Stefano Luongo motiva alla cittĂ  la scelta "responsabile e coerente" di presentare al sindaco  Cinque Stelle Vincenzo Ciampi, contro il quale si è candidato, sei idee per le linee programmatiche. "Nel contesto di anatra zoppa generatosi dopo il 24 giugno un consigliere può avere due posizioni nei confronti del sindaco: rigida o costruttiva. Stiamo dando seguito al nostro approccio dialogante manifestato all'indomani dell'elezione sindaco Ciampi". La posizione di Luongo è diversa da quella del capogruppo di Insieme Protagonisti Gianluca Gaeta "in capigruppo ha manifestato il suo pensiero ed è diverso da quello del nostro gruppo, per adesso restiamo comunque nello stesso gruppo consiliare" e quando parla di "nostro gruppo" si riferisce a buona parte dell'ex forum dei giovani di cui è stato presidente e che lo ha sostenuto in conferenza, con il quale condivide la linea politica "ci hanno affiancati a tutti nei cinque anni del forum. Negli ultimi giorni ci dicono di rispondere a Gaeta oppure a Gianluca Festa. Noi siamo autonomi, abbiamo preso una decisione. Personalmente ne ho discusso con l'onorevole Angelo D'Agostino il quale ha condiviso questo atteggiamento propositivo nei confronti della cittĂ ". Entrando nel merito, ha spiegato perchĂ© ha presentato le proposte "siamo critici sull'operato di questi due mesi di amministrazione comunale. Ma dinanzi al ritiro delle linee programmatiche ed un'apertura non possiamo opporci prendendo posizioni ideologiche. Le nostre idee per i giovani presentate in campagna elettorale sono state consegnate al sindaco Ciampi nell'interesse della cittĂ  e coerentemente con quanto abbiamo detto ai nostri elettori. Questo non significa sostenere Ciampi, a lui tocca il compito di fare sintesi. In aula valuteremo il suo operato, ma noi restiamo dove ci hanno collocato gli elettori. La nostra è una sfida nel merito al M5S al quale non vogliamo concedere alibi".

Gruppo LuongoProvinciali, governo degli enti, scambi di posti in giunta o presidenza di commissioni sono argomenti che non interessano Luongo ed il suo gruppo "i giochetti politici li fanno altri interessati alle poltrone. Noi non volgiamo posti in giunta o presidenze di commissioni. Qualcuno che ha sostenuto Ciampi al ballottaggio ed è responsabile di questa situazione (il riferimento è al consigliere comunale Luca Cipriano, ndr) ci ha attaccati parlando di trasformismo, attaccamento alla poltrona. Dopo due mesi cambiano idea e saremmo noi i trasformisti? Non abbiamo collocazione politica, noi siamo altro e continueremo a dimostrarlo. Siamo coerenti con quanto affermato subito dopo il 24 giugno dialoghiamo con tutti e scegliamo all'interno del nostro gruppo la linea politica. E' un messaggio di cambiamento che proveremo a far conoscere con un'associazione politica che nascerà ad ottobre per sfidare sul cambiamento il M5S". A distanza di due mesi il consigliere prende le distanza anche dalla linea politica del gruppo che ha sostenuto Nello Pizza in campagna elettorale "la loro posizione non la si conosce. O meglio c'è chi parla di mozione di sfiducia, chi di andare dal notaio. Così faranno come nel 2015 con Foti e resteranno tutti dove sono senza fare alcuna proposta. E' un atteggiamento che non condividiamo. A 23 anni non mi impantano nello stallo della coalizione di Pizza".

Tra i sei punti presentati a Ciampi per le linee programmatiche si fa riferimento anche al progetto Benessere Giovani, approvato dall'aula ma con i voti contrari del M5S "noi abbiamo fatto le nostre proposte, potrebbero essere accolte tutte o in parte. Ma non è solo questo il punto, se altre proposte non ci piacciono valuteremo in aula come comportarci". Quindi i sei punti tutti inerenti le politiche giovanili "dovrebbero essere il prodotto delle politiche culturali, sociali, formazione e innovazione guidate da un solo filo conduttore. Proponiamo forum giovani autonomo slegato dall'amministrazione; albo delle associazioni; la casa dello studente a Borgo Ferrovia per integrarla con l'elettrificazione dell'Avellino – Salerno e portare gli studenti all'Università del Vino ed al Cimarosa. A tal proposito abbiamo chiesto a Ciampi di ritirare la proposta dell'Università dei nuovi Media. In oltre – ha proseguito Luongo – il progetto Casina del Principe per il quale l'amministrazione deve far partire benessere giovani. Abbiamo pensato alla rivitalizzazione della Dogana come luogo di aggregazione grazie ai finanziamenti Pics. Il progetto per Parco Santo Spirito, parco dello sport e della musica a disposizione delle associazioni dove può nascere il brand musicale Avellino. E poi attenzione al sociale, alle cooperative, trasparenza sugli alloggi popolari, ed anche al divertimento, non è una parolaccia, serve un tavolo permanente con tutti gli attori attivi del processo all'interno per regolamentare gli orari delle attività".

Ultima modifica ilGiovedì, 13 Settembre 2018 16:14

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.