Background ADV
  • Domenica 24 Febbraio 2019 - Aggiornato alle 06:32

“Se gli sforamenti di pm10 supereranno ancora i limiti, pronti a nuova ordinanza”: il commissario Priolo a tutto campo

Nuove restrizioni del traffico in arrivo, poi l’annuncio: “grazie all’Arpac avremo anche una centralina mobile”. Conti comunali: “nessuna frizione con Tommasino, stiamo lavorando responsabilmente. Inutile dare date al momento”

“Se gli sforamenti di pm10 supereranno ancora i limiti, pronti a nuova ordinanza”: il commissario Priolo a tutto campo

Il commissario Giuseppe Priolo avverte la città: «in presenza di ulteriori sforamenti di pm10 metteremo in campo tutte le iniziative necessarie. Tutelare la salute dei cittadini è un dovere morale di ogni amministratore». Il commissario prefettizio, ospite allo Stir di Pianodardine in occasione della messa a dimora di 50 alberi ad opera degli alunni delle scuole di Atripalda, non esclude una nuova ordinanza antismog. Pur non entrando nei dettagli dell'eventuale nuovo provvedimento, che potrebbe essere più stringente di quello in vigore o semplicemente una proroga della scadenza prevista per il 15 dicembre, Priolo chiarisce: «in presenza di un ulteriore superamento di sforamenti, un amministratore non può che prenderne atto e fare il proprio dovere sia di natura formale che sostanziale. Cercheremo anche di attivare ogni procedura possibile per migliorare la situazione nel prossimo futuro. Innanzitutto attiveremo una centralina mobile messa a disposizione dall'Arpac che fornirà dati ancora più attendibili di quelli attuali. Poi bisogna chiaramente trovare una sinergia anche con i comuni limitrofi per adottare misure che non possono essere di immediata attuazione ma che vanno programmate e gestite nel medio e lungo periodo».

Pur essendo in città da poche settimane, il commissario promuove il lavoro di IrpiniAmbiente: «per quello che ho potuto accertare in questi pochi giorni dal mio insediamento, il servizio reso è positivo. I dati che mi sono stati illustrati parlano di un forte innalzamento della raccolta differenziata e, dunque, della capacità di migliorare il servizio. La presenza oggi dei ragazzi è il segno del recupero di aree utilizzate in passato per altro, che adesso invece vedono la piantumazione di alberi».

Il commissario risponde anche alla richiesta di incontro avanzata dai commercianti: «ci sarà nei prossimi giorni senza alcuna difficoltà. Nei limiti del possibile ascolteremo tutti e raccoglieremo le istanze di tutti. Ho già incontrato il vescovo di Avellino, Monsignor Arturo Aiello, persona di elevato pregio, che mi ha dato un'indicazione su come amministrare, io la città, lui le anime: "fare il bene possibile". Mi piacerebbe che tutti riflettessero su questo: lavorare sul possibile nei limiti del tempo e del mandato». Venendo poi alla partita più calda che si gioca a Palazzo di Città, quella sul risanamento delle casse comunali, Priolo smentisce i rumors che legherebbero le dimissioni del subcommissario Tommasino a frizioni interne alla squadra commissariale: «nessuna divergenza di vedute, c'è stato un semplice avvicendamento dovuto a problematiche personali del dottor Tommasino che ringrazio per il lavoro svolto. Al suo posto è arrivato un validissimo sostituto, il dottor Anatriello che si insedia oggi. Per il resto non posso dare date e termini, si tratta di decisioni importanti da ponderare bene. Stiamo lavorando in maniera responsabile, informeremo la città non appena avremo elementi più certi».

Ultima modifica ilGiovedì, 13 Dicembre 2018 15:15

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.