Background ADV
  • Lunedì 25 Marzo 2019 - Aggiornato alle 10:29

Avellino e il voto, "Controvento" dice si ad Annunziata: vogliamo organizzare noi l'assemblea del centrosinistra

L'associazione pronta a dare il suo contributo. Bellizzi: non siamo una civica ma un luogo di discussione

Avellino e il voto, "Controvento" dice si ad Annunziata: vogliamo organizzare noi l'assemblea del centrosinistra

Arriva un si convinto da parte di "Controvento" alla proposta di un'assemblea aperta per costruire il centrosinistra lanciata sulla nostra testata dal segretario regionale del Pd, Leo Annunziata. Anzi, l'associazione è pronta anche ad essere protagonista in prima persona facendosi carico di organizzare quel momento di confronto, proponendosi come luogo di discussione aperta dalla quale dovrà uscire una proposta programmatica e, in ultima analisi, una possibile candidatura per la guida dalla città.

Ad annunciarlo è stato Gennaro Bellizzi, uno dei fondatori dell'associazione, a margine dell'incontro nel quale si è dibattuto su temi estremamente sensibili per la città: traffico, ambiente e viabilità. Un incontro che ha richiamato l'attenzione dei cittadini e dei rappresentanti delle forze politiche (in sala tra gli altri Giuseppe Del Giudice, Pino Rosato, Roberto Montefusco e Giancarlo Giordano) e nel quale si è provato a ragionare sulle possibili soluzioni di un problema del quale pare impossibile venire a capo. «Stiamo mantenendo fede a quello che era il nostro progetto iniziale - ha detto - portando all'attenzione dell'opinione pubblica i problemi della città, provando a dare dei suggerimenti che vengono fuori da dialogo. Vogliamo passare dal concetto che sia il sindaco quello che risolve tutto a quello che invece vede nel progetto il punto centrale». Secondo Bellizzi «non ci sono delle soluzioni razionali che vanno oltre le interruzioni del traffico o del blocco della circolazione delle vecchie automobili, cosa che tra l'altro rappresenta una penalizzazione proprio per le classi meno abbienti, attendiamo da anni risposte adeguate e oltretutto malgrado questi provvedimenti la qualità dell'aria è ancora peggiorata. Per questo crediamo sia necessario agire in maniera più radicale e determinata per cercare di risolvere il problema». Ma c'è, come detto, l'aspetto politico che, nel campo del centrosinistra (per ora ipotetico), ruota attorno alla proposta avanzata dal segretario regionale del Pd, Leo Annunziata. Anche Bellizzi è assolutamente d'accordo. «A me sembra un'idea logica, quasi sacrosanta, è chiaro che oggi occorra discutere in maniera diversa e già da un po' rifletto sul fatto che il concetto del Pd come partito a vocazione maggioritaria vada accantonato, almeno per il momento, certo è il partito con la maggiore rappresentanza ma sempre all'interno di un'area di centrosinistra. Questa iniziativa di Annunziata mi pare che fotografi bene questa condizione e noi non solo siamo assolutamente d'accordo ma vorremmo proporci, visto che non siamo una lista civica ma un luogo di discussione e di dialogo e se possibile, anche i catalizzatori di un accordo possibile, noi siamo disponibili a proporre questo tavolo che possa portare alla formazione di un progetto, alla indicazione di una squadra prima ancora che alla individuazione di un nome da candidare a sindaco». Tradotto vuol dire che "Controvento" è disponibile anche ad assumere l'iniziativa convocando «partiti, associazioni, movimenti: ad Avellino c'è un fermento che fino ad ora non è stato possibile riunire attorno ad un tavolo per discutere del progetto che viene prima di tutto per evitare di ripetere il copione di un anno fa». Tra i relatori del convegno anche il commissario straordinario dell'Arpac, Stefano Sorvino. «Noi ci occupiamo dei monitoraggi della qualità dell'aria attraverso la rete delle centraline fisse, talvolta integrate da quelle mobili. I dati relativi all'inquinamento atmosferico, problema diffuso a livello nazionale e regionale, vedono criticità e problematiche significative anche sulla città di Avellino, determinate sia da fattori inquinanti che dalla conformazione geologica a conca che determina l'accumulo ed il ristagno dei fenomeni inquinanti che va affrontato con un insieme di misure di politica attiva che vanno adottate dagli enti territoriali».

Ultima modifica ilSabato, 09 Marzo 2019 12:50

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.