Background ADV
  • Venerdì 26 Aprile 2019 - Aggiornato alle 06:07

Avellino e il voto, i Popolari: gli strappi Di Guglielmo stanno facendo macerie

I centristi al segretario Pd: non vorremmo dover prendere atto che per costruire l’area democratica servono altre strade

Avellino e il voto, i Popolari: gli strappi Di Guglielmo stanno facendo macerie

Un gesto di scortesia che serve a far crescere malumori e sospetti fino a portare alla presa d'atto che il tentativo di costruire un percorso comune è prematuramente finito. C'è questo nella mancata partecipazione dei Popolari al tavolo convocato dal Pd ieri mattina a via Tagliamento. L'impossibilità di spostare la riunione ha determinato l'assenza di Del Giudice e De Mita che al momento non pregiudica il dialogo ma che certo rappresenta un ulteriore ostacolo in un percorso diventato accidentato prima con l'indicazione di Cipriano e poi con il metodo seguito per arrivarci. Le acque, dunque, diventano sempre più agitate e il rischio di una rottura clamorosa è dietro l'angolo.

Questa la nota dei Popoalari: "Quando il PD ha rivendicato la titolarità ad assumere una iniziativa che ricomponesse il quadro di una area democratica ad Avellino, ci si sarebbe atteso un comportamento nuovo che superasse le eterne divisioni interne ed esterne. L'ultima settimana ci consegna invece una situazione completamente diversa. A questa responsabilità non si può sfuggire nascondendosi dietro comunicati il cui contenuto stride con le macerie che stanno producendo i continui strappi del segretario provinciale. Vorremmo non doverci arrendere al dover prendere atto che lo sforzo di costruire una area democratica debba prendere altre strade e altre forme."

Ultima modifica ilLunedì, 15 Aprile 2019 10:02

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.