Background ADV
  • Venerdì 22 Marzo 2019 - Aggiornato alle 13:29

Industria Italiana Autobus: l'eterna transizione

Industria Italiana Autobus: l'eterna transizione

"E' dal lontano 2014 che si procede con l'indeterminatezza produttiva. Si passa da una ipotesi societaria ad un'altra con troppa superficialitĂ . E le ipotesi rimango tali. Ed a pagare sono i lavoratori che continuano a non vedersi concretizzarsi il ritorno al lavoro". Così Giuseppe Morsa segretario della Fiom Cgil all'indomani dell'incontro al Mise per il futuro di Industria Italiana Autobus. "L'annuncio di una nuova proprietĂ  con Ferrovie dello Stato non si è concretizzata. Il nuovo responsabile delle relazioni sindacali non ha avuto nemmeno la coscienza di incontrare le segreterie provinciali per cominciare ad affrontare i problemi dello stabilimento di Flumeri. Gli autobus continuano ad esser prodotti in Turchia". Un salto nel buio l'appuntamento di domani "al Ministero del Lavoro andiamo senza fare il punto della situazione prima, come da noi richiesto. Non si conosce per quanto tempo ci sarĂ  la cassa, se questa è accompagnata da un piano industriale. Cosa ancor piĂą grave è che non si conosce se è quando ci sarĂ  una nuova compagine societaria. Domani al Ministero del Lavoro chiederemo risposte da dare ai lavoratori di Flumeri. Per venerdì abbiamo convocato un'assemblea unitaria con i lavoratori. Di pasticci ne sono stati fatti giĂ  troppi e di certo non da noi; non vorremmo che ogni volta ci sia un nuovo salvatore, una nuova terra promessa".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.