mercoledì 20 agosto 2014 | Imposta come Homepage | Aggiungi ai preferiti | Facebook
Manifestazione Fiom: il "ringraziamento" di Rodotà agli operai
* stefano*Non solo testimonianze di operai Fiat e Fincantieri, sul palco di Landini e Camusso anche un ospite d’eccezione. “Provo un grande sentimento di gratitudine nei confronti degli uomini e delle donne della Fiom, per il coraggio avuto nello scendere in piazza oggi e nel rendere consapevoli noi tutti della necessità di difendere due diritti fondamentali: quello del lavoro e e quello di manifestare”. Così il professore Stefano Rodotà saluta le tute blu in Piazza del Popolo, lui che proprio non ha digerito la decisione del primo cittadino capitolino, Gianni Alemanno, di vietare il corteo ai metalmeccanici, come forma preventiva applicabile a tutte le manifestazioni di popolo post scontri del 15 ottobre.
“Stiamo vivendo un attacco alla libertà e alla costituzione senza precedenti: Roma non può diventare luogo simbolo di garanzie costituzionali sospese, né il destino del lavoro può essere relegato in mani padronali. Sarebbe una regressione civile, storica e sociale rispetto alla quale bisogna restare vigili e pronti alla mobilitazione”. Attacca il Governo Rodotà, reo di ledere due fondamenti della Carta Costituzionale: lavoro e libertà, e non manca un riferimento anche alla famigerata legge bavaglio: "vogliono lasciar morire il Paese negandogli libertà e dignità” .
(venerdì 21 ottobre 2011 alle 18.12)
Muretto Comunication S.r.l.
© 2011 ilCiriaco. All Rights Reserved.   --- Gerenza ---

Tel: 08251912551 Tel&Fax: 08251912594 Mail: redazione@ilciriaco.it
Il materiale pubblicato, pur essendo di dominio pubblico, non puo' in nessun modo essere utilizzato.
La copia o riproduzione di testi e foto senza il consenso scritto della redazione di Il Ciriaco.it e' vietata!