Background ADV
  • Venerdì 18 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 19:17

Segreteria Pd, c'è la Paris: sono onorata, questo schema si può riproporre anche in Campania

La deputata irpina: fase difficile per il Paese, c'è tanto da lavorare. Per lei la delega al Lavoro?

«Soddisfatta, onorata ma anche sufficientemente preoccupata per la difficile fase che vive il Paese». E' questo il commento a caldo di Valentina Paris scelta questa sera dal segretario Matteo Renzi per la segreteria nazionale del Partito democratico. Per Paris dunque un posto al sole nell'organismo che detterà la linea politica del Pd, un banco di prova non indifferente per una giovane parlamentare alla sua prima esperienza in Aula. Otto donne e sette uomini per una segreteria unitaria che tiene dentro le minoranze. Ancora presto per parlare di deleghe che verranno assegnate giovedì pomeriggio, possibile per lei la delega al Lavoro, essendo già componente della Commissione presieduta dall'ex ministro Cesare Damiano. Un modello, quello della segreteria unitaria, esportabile nel tempo anche a livello locale, è l'auspicio di Paris: «il tentativo di respiro plurale di Renzi è legato alle forti aspettative che in questo momento vengono riposte sul Partito democratico, ma anche a dinamiche nazionali che ne hanno permesso la genesi, come la rimodulazione della segreteria stessa, del gruppo parlamentare ed anche del Governo. Un modello da declinare sicuramente in futuro anche sui territori, fermo restando le peculiarità di ogni singola realtà. Al segretario va però il plauso di aver aperto realmente le porte alle minoranze, lasciando loro piena libertà nell'indicazione dei nomi dei propri rappresentanti, dando in questo modo un pieno riconoscimento politico alla pluralità del Pd». Buona la rappresentanza campana all'interno della nuova segreteria: «siamo in tre, io Enzo Amendola e Sabrina Capozzolo. Un numero consistente per poter sperimentare la possibilità di una pluralità anche nel Pd campano auspicabile in vista delle elezioni regionali. La segreteria varata da Renzi mette insieme uomini e donne di esperienza con profili più giovani, mantenendo sempre fede con convinzione al principio della parità di genere in ogni passaggio».
Schema a 15, il massimo dei componenti previsto dal regolamento. In squadra con Paris ci sono dunque i campani Enzo Amendola e Sabrina Capozzolo, Lorenza Bonaccorsi, Chiara Braga, Micaela Campana, Ernesto Carbone, Stefania Covello, Andrea De Maria, David Ermini, Emanuele Fiano, Francesca Puglisi, Alessia Rotta,
Filippo Taddei e Giorgio Tonini.

Ultima modifica ilGiovedì, 18 Settembre 2014 17:03

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.