Background ADV
  • Mercoledì 28 Giugno 2017 - Aggiornato alle 22:49

Pd, vertice decisivo tra la Tartaglione ed il Direttorio: congresso entro luglio o rinvio all'autunno?

Dopo l'incontro a via Tagliamento, la decisione nella riunione a Santa Brigida. Il nodo del tesseramento ancora da sciogliere

Pd, vertice decisivo tra la Tartaglione ed il Direttorio: congresso entro luglio o rinvio all'autunno?

Appuntamento per un congresso. E' quello che si sono dati la segretaria regionale del Pd, Assunta Tartaglione, ed i quattro componenti del direttorio (i parlamentari Luigi Famiglietti e Valentina Paris, la Presidente del Consiglio Regionale, Rosetta D'Amelio e l'ex senatore Enzo De Luca) che si vedranno nella sede del coordinamento regionale del partito, per stabilire una volta per tutte se, ma soprattutto quando, celebrare il congresso provinciale del democratici. L'incontro, convocato dalla stessa Tartaglione, è stato preceduto da un summit che i componenti del Direttorio hanno tenuto a via Tagliamento nella tarda mattinata di ieri. Nel corso dell'incontro è stata ribadita quella che è oramai una volontà comune: andare al congresso in tempi rapidi, possibilmente entro un mese, e non procrastinare l'appuntamento a settembre. Una posizione diversa da quella che è stata rappresentata dalle componenti vicine al sottosegretario Umberto Del Basso De Caro e al consigliere comunale e provinciale Gianluca Festa, che chiedono invece uno slittamento dell'assise a settembre e, soprattutto, una rivisitazione della platea congressuale. Detto in parole povere, un nuovo tesseramento. Ed è qui che le posizioni diventano inconciliabili perché i componenti del Direttorio, ma anche i vertici regionali, ritengono valido il tesseramento del 2016, con cui, tra l'altro, si è andati anche al congresso nazionale. Per questa ragione, anche se il congresso si dovesse svolgere a settembre, resterebbe valida la platea congressuale certificata nel marzo scorso. Ma su questo punto la Paris ha sottolineato la necessità di evitare strascichi pericolosi che potrebbero essere rappresentanti da eventuali ricorsi, soprattutto da parte di chi ha richiesto l'adesione al partito attraverso la piattaforma online. Il tempo, comunque, stringe ed una decisione, in un senso o nell'altro, andrà necessariamente presa nel vertice di domani. Un'ulteriore dilazione, ovviamente, significherebbe l'automatico slittamento del congresso. E, forse, l'apertura di un nuovo capitolo.

Ultima modifica ilLunedì, 19 Giugno 2017 00:54

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.