Background ADV
  • Lunedì 20 Agosto 2018 - Aggiornato alle 19:22

Energie per l’Italia, Centrella: guardiamo oltre il 3%. Saremo in campo anche per le amministrative di Avellino

L’ex segretario dell’Ugl candidato al Senato con la nuova formazione vicina al centro destra presenta il progetto di Parisi. Con lui il deputato, ex Pd, Guglielmo Vaccaro

Energie per l’Italia, Centrella: guardiamo oltre il 3%. Saremo in campo anche per le amministrative di Avellino

Sarà Giovanni Centrella il candidato al Senato per la lista "Energie per l'Italia" con Stefano Parisi. L'ex segretario dell'Ugl, fino a poche settimane fa segretario provinciale di "Centristi per l'Europa", uno dei partiti satellite del centrosinistra marcato Pd, oggi ritorna dall'altra parte, il centro destra con cui però ancora non è detta l'ultima parola in tema di alleanze.

«Credo che andremo da soli. Ormai i simboli sono stati depositati, difficilmente, alle condizioni date, ci sarà un accordo di coalizione con il centrodestra» spiega Centrella, affiancato dal deputato ex Pd Guglielmo Vaccaro.
Resta da superare l'ostacolo dello sbarramento al 3%: «sono molto fiducioso, perché –aggiunge- ci saranno molte sorprese in questa campagna elettorale. Noi crediamo che ci sia bisogno di far crescere un progetto, ci presentiamo per porre le basi per il futuro. Chi fa politica solo per avere un posto al Setato o alla Camera sbaglia, per noi la politica è azione quotidiana. Oggi non inizia solo la mia campagna elettorale come candidato al Senato, ma un progetto ampio che riguarderà tutte quelle province, come l'Irpinia, che necessitano di persone e volti nuovi. Ci rivolgiamo innanzitutto ai giovani che reclamano una politica di cambiamento che, lo diciamo già da adesso, dovrà necessariamente interessare anche la città capoluogo alle prossime amministrative».

L'ex segretario Ugl chiarisce il veloce e recentissimo passaggio dal centrosinistra al centrodestra: «"Centristi per l'Europa" non esiste più, si sono trasformati in "Civica Popolare", il progetto di Beatrice Lorenzin, che al suo interno ha di tutto e di più, come ad esempio Italia dei Valori che è lontano dalle nostre posizioni. Leggere oggi che Casini è candidato per il Pd, mi allontana ancora di più da quel programma europeista che avevamo condiviso». Centrella guarda già al 5 marzo: «ci organizzeremo sul territorio coinvolgendo giovani, professionisti e quanti credono in uno scenario futuro diverso da quello attuale con una classe politica vecchia. Proponiamo poche cose, ma esigibili».

Ultima modifica ilVenerdì, 19 Gennaio 2018 14:14

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.