Background ADV
  • Lunedì 16 Luglio 2018 - Aggiornato alle 22:27

Congresso Pd, De Caro: chiarezza sulla platea, altrimenti per me non si farĂ  mai

Il sottosegretario incontra i suoi alla presenza di Ciarcia: le tessere annullate? Le riproporremo, sono reali e non inventate. Ermini? Ha delegato un po' troppo...

Congresso Pd, De Caro: chiarezza sulla platea, altrimenti per me non si farà mai

Per Umberto Del Basso De Caro non ci sono problemi, il congresso provinciale del Pd si può fare «anche il 15 agosto a mezzogiorno, io ci sono, basta avere la certezza della platea rappresentativa». Il punto è che occorre ripristinare chiarezza sui numeri e correttezza nelle procedure, altrimenti, per quanto gli riguarda, non si farà mai, «o lo farà chi vuole farlo». Il sottosegretario ha riunito la sua componente, insieme al candidato alla segreteria Michelangelo Ciarcia, per fare il punto della situazione, nel giorno in cui i livelli nazionali del partito, con Maurizio Martina in primis, hanno parzialmente accolto le richieste di uno slittamento dell'appuntamento previsto per domani e domenica, rinviando tutto al 22 e 23 aprile, con un appuntamento intermedio (mercoledi 18 a Roma) tra i rappresentanti delle liste in campo.

De Caro ha parlato anche delle tessere annullate da Roma, non nascondendo il disappunto. «Le tessere annullate? Non conosco, ma evidentemente le riproporremo, perché sono tessere già pagate, regolarmente sottoscritte da persone in carne ed ossa e non inventate». Riguardo alla data De Caro ha ribadito che non era stato chiesto lo spostamento (cosa che invece risulta dal documento), «avevamo chiesto una verifica della platea degli iscritti, nel concetto di legalità» ed ha poi allontanato qualunque ipotesi di divergenza all'interno dell'area che sostiene Ciarcia. «Altro che divisioni - dice - il percorso congressuale inizia sotto ottimi auspici perché il candidato è Ciarcia e noi seguiamo le sue indicazioni. Chi dice il contrario si sbaglia». Infine le amministrative e il ruolo di Ermini. De Caro non esclude il rischio di ulteriori spaccature ma «questo attiene alla responsabilità degli altri, noi ne abbiamo dimostrata fin troppa. Ermini? Penso che abbia delegato un po' troppo...».

 

Ultima modifica ilSabato, 14 Aprile 2018 11:53

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.