Background ADV
  • Sabato 23 Giugno 2018 - Aggiornato alle 21:21

Amministrative, M5S: è finito il tempo dei ricatti. Ciampi: sarò un sindaco di garanzia e la giunta la scelgo io

Il candidato dei pentastellati chiarisce la sua posizione, insieme ai parlamentari. Sibilia: raggiunto un risultato straordinario, ora la scelta è tra i dinosauri e il cambiamento

Amministrative, M5S: è finito il tempo dei ricatti. Ciampi: sarò un sindaco di garanzia e la giunta la scelgo io

"I cittadini hanno scelto la liberazione, l'amore per la città, per i giovani. C'è voglia di voltare pagina rifiutando la politica del ricatto e lo dimostrano i consensi strepitosi ricevuti. Il 24 giugno potranno dare inizio alla rivoluzione della normalità". Il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle Vincenzo Ciampi lancia la volata per il ballottaggio insieme ai parlamentari irpini Carlo Sibilia, Michele Gubitosa e Maria Pallini. Le urne hanno decretato una maggioranza già acquisita nei numeri da parte del centrosinistra che con il 53% dei voti di lista si è assicurata 18 seggi su 32 anche in caso di sconfitta al ballottaggio. Dei restanti 14, in caso di vittoria di Ciampi, 5 andranno ai Cinque Stelle. Una situazione numericamente di ingovernabilità che non spaventa i pentastellati. Al momento il ricorso al consiglio di Stato è escluso "siamo concentrati a vincere il ballottaggio" e garantisce nessuna alleanza "ci rivolgiamo al 60% di cittadini che ha votato contro Pizza". Se dovesse essere eletto, Ciampi si ritroverà a dialogare con gli alleati-oppositori, Cipriano, Morano, Preziosi, Arace e con i rispettivi programmi "non faremo alcun contratto. E' chiaro che non si può escludere nulla degli altri programmi. Con alcuni ci sono punti in comune come le politiche sociali, il fonda valle Fenestrelle. Per Corso Vittorio Emanuele la vicenda va affrontata". Ciampi non garantirà alcun posto in giunta alle altre forze politiche nonostante Cipriano e Morano avessero già presentato diverse personalità "mi atterrò al testo unico. Gli assessori sono di nomina del sindaco ed è un discorso sul quale la politica non deve entrare. Nessun accordo, assoluta mano libera sulla gestione". E pur trovando una convergenza totale serviranno i numeri in consiglio per approvare gli indirizzi politici "la maggioranza la troveremo in consiglio, daremo vita ad un governo di salute pubblica ascoltando e dialogando con tutti, io sarò il garante dei cittadini. Davanti alle loro proposte come faranno a non votarle?".
La deputata Maria Pallini ha ringraziato " i 6535 cittadini che hanno votato la liberazione. Le 28 persone al momento fuori dal consiglio saranno accanto ai quattro consiglieri comunali eletti ed a Vincenzo. Tutti insieme hanno lottato per raggiungere questo risultato, il 24 giugno riusciremo a raggiungere il risultato che tutti gli avellinesi aspettano". Ha salutato con entusiasmo il risultato elettorale Michele Gubitosa "siamo i vincitori di questa elezione. Abbiamo affrontato oltre 200 candidati con una sola lista, al ballottaggio Pizza è consapevole di non potercela fare". Il deputato grillino attacca gli avversari "il centrosinistra in queste ore sta ricattando i cittadini dicendo che regnerà il caos per l'ingovernabilità. Se Ciampi vince governerà Avellino tranquillamente, non fatevi ricattare". E sull'eventuale composizione della giunta "per noi non sarà un problema. Semmai lo è per loro. Con la maggioranza risicata e la logica dei compromessi Pizza non sarà solo ostaggio di chi lo pilota dall'alto ma anche delle pulci". Chi ha visto da vicino la crescita del Movimento in questi cinque anni è Carlo Sibilia "siamo passati dal 3 al 14% grazie a chi ci ha sempre creduto. Sapevo che era quasi impossibile vincere al primo turno ma al ballottaggio il fardello del voto all'amico non esisterà più. Il 24 giugno ogni cittadino libero avellinese può decidere se dare fiducia alla preistoria o al cambiamento. La comunità avellinese non è quella dei 1300 voti al sindaco ombra che aleggia su questa città.. E sulla mancanza della maggioranza "situazioni analoghe già sono accadute a Porto Empedocle, governiamo da tre anni con gli stessi risultati dei comuni a Cinque Stelle. Metteremo in atto gli strumenti di democrazia diretta seri e consolidati. La cittadinanza ci darà l'indirizzo, chi si prenderà la responsabilità di andare contro?".

Ultima modifica ilMartedì, 12 Giugno 2018 19:51

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.