Background ADV
  • Venerdì 18 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 18:45

Provinciali, Biancardi: il centrosinistra non ha proposte, sono in campo per rappresentare tutti

Il sindaco di Avella si presenta: il modello è la gestione equilibrata e responsabiledi Gambacorta. I Cinque Stelle? Attenti sl mio progetto

Provinciali, Biancardi: il centrosinistra non ha proposte, sono in campo per rappresentare tutti

Proseguire nel solco tracciato da Domenico Gambacorta nei suoi quattro anni alla guida della Provincia caratterizzati da equilibrio e buon governo. E in questa cornice continuare una interlocuzione virtuosa con tutti i comuni della provincia per fare in modo che il governo di Palazzo Caracciolo sia realmente il governo dell'Irpinia. Ne fa un obiettivo concreto Domenico Biancardi, sindaco di Avella, candidato alla Presidenza, che stamane ha presentato la sua candidatura insieme al alcuni componenti della lista dei "Moderati per l'Irpinia". «Girando per i territori - ha detto il candidato - sto riscontrando adesioni ed entusiasmo rispetto alla nostra proposta. E' un riscontro che, peraltro, avevo già avuto modo di verificare da qualche settimana e che spero possa continuare in questo senso. Del resto questo è un momento particolarmente delicato per la nostra provincia ed è quello che sto cercando di spiegare a tutti». Rispetto al suo impegno nel caso dovesse diventare il Presidente della Provincia, Biancardi ha auspicato «la prosecuzione dell'attività svolta da Gambacorta con grande equilibrio e grande impegno e responsabilità. Per il resto credo ci sia un futuro diverso sul piano strategico e su quello della politica». Ecco, la politica. La sfida sui contenuti con il candidato del centrosinistra non spaventa il primo cittadino di Avella che punta su una differenza sostanziale rispetto al suo competitor. «La differenza è che non c'è la proposta del centrosinistra, mi pare una cosa molto semplice. La loro proposta sarebbe dovuta venir fuori da un ragionamento, dal coinvolgimento della base, dagli amministratori e dai sindaci, da una discussione completa. Ma non ho visto niente di questo questo, e questa è una cosa che sindaci ed amministratori mi fanno notare negli incontri che sto facendo. Gli amministratori sono più avanti di una decisione presa in una stanza di partito alle cinque del mattino». Si parte con questa consapevolezza e con la volontà di chiamare tutti al voto. Anche i Cinque Stelle, poco propensi a votare per un ente che definiscono inutile. «Ho fatto degli appelli a tutti - ha spiegato Biancardi - e debbo dire di aver avuto dei riscontri positivi anche dal M5S, ovviamente non dai consiglieri comunali di Avellino, ma in provincia c'è una posizione più articolata e di favore rispetto alla mia proposta che è aperta a tutti perché io rappresento tutti». E per il futuro il candidato auspica che «ci possa essere una linea più chiara perché le tante divisioni che ci sono nel nostro territorio non ci aiutano di certo».Biancardi presentazione

Insieme a Biancardi, anche il Presidente uscente Gambacorta, che ha tracciato una brevissimo sunto delle cose fatte, in attesa dell'ultimo consiglio provinciale di domani, Franco Lo Conte e Girolamo Giaquinto (candidati nella lista). In sala i consiglieri comunali di Avellino Ines Fruncillo e Lazzaro Iandolo ed il sindaco di Montella, Ferruccio Capone.

Ultima modifica ilGiovedì, 18 Ottobre 2018 19:04

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.