Background ADV
  • Lunedì 25 Settembre 2017 - Aggiornato alle 04:42

Rugby, c’è la C1 nell’uovo di Pasqua dei Due Principati. Comitato Campano, aperto a tutti il bando per il nuovo logo

Ultimo stop in campionato per la C2 campano/molisana nel weekend pasquale, le irpine si preparano al turno conclusivo in programma la domenica successiva. Due Principati: cresce l’attesa per il big match con il Vesuvio, ma i rossoverdi sono già con un piede e mezzo nella categoria superiore. IV Circolo, si prepara l’assalto al Campobasso per difendere il terzo posto. Wolves, domani partitella in famiglia. Comitato Campano, varato il concorso d’idee per il nuovo stemma regionale. Il bando è aperto sia alle persone fisiche che a quelle giuridiche. Per presentare i progetti c’è tempo fino al 21 maggio

Rugby, c’è la C1 nell’uovo di Pasqua dei Due Principati. Comitato Campano, aperto a tutti il bando per il nuovo logo

Ultimo weekend di pausa, in concomitanza delle festività pasquali, per la C2 campano/molisana. Nel fine settimana successivo sarà infatti in programma la diciottesima ed ultima giornata del torneo, che non chiuderà definitivamente le ostilità, ma che, con buona probabilità, fornirà l’unico verdetto atteso dalla categoria. In un campionato d’ingresso nel mondo della palla ovale ufficiale, come è appunto la C2, e che di conseguenza non prevede retrocessioni, il riferimento va naturalmente al discorso promozione. Come i più attenti ricorderanno, anche quest’anno le scelte federali hanno portato ad attribuire un unico lasciapassare per la categoria superiore alla C2 campano/molisana. E già dalla fine del girone d’andata il salto di categoria si è trasformato in un argomento intimo, ristretto a soli due club. Si tratta della franchigia avellino/salernitana dei Due Principati e del Vesuvio Casalnuovo. I primi comandano la graduatoria con un ruolino di marcia strepitoso – quindici vittorie ed un pareggio, con una partita ancora da recuperare – i secondi resistono in seconda piazza a tre lunghezze di distacco, avendo conseguito quattordici vittorie, un pareggio, e due sconfitte, contro la bestia nera Sarnese.

Ironia della sorte l’ultimo turno proporrà proprio lo scontro diretto tra le due corazzate. All’andata giocò in casa il Vesuvio e finì in parità. Ma fu una gara rocambolesca, condotta per larghi tratti dagli ospiti, e poi recuperata con veemenza dai napoletani, tanto che solo un piazzato di Maglio nel finale salvò i principi dalla sconfitta. Lo spettacolo è atteso anche per il return match, tuttavia è innegabile che gli avellino/salernitani potranno ora approcciare alla sfida con maggiore tranquillità. Le tre lunghezze di vantaggio consentiranno infatti di gestire il gioco con maggiore prudenza, e di poter sfruttare eventuali bonus per allungare ulteriormente. Come se non bastasse, anche nella malaugurata ipotesi che al Vesuvio riesca il colpaccio con il massimo punteggio, i Due Principati avranno ancora un’occasione per rifarsi. Sarà, come si accennava, il recupero contro i Lions Nato, che si disputerà sette giorni dopo, il 30 aprile. Teatro della battaglia sarà sempre il Santo Spirito di Avellino, ma l’avversario di turno, penultimo in graduatoria, non sarà della stessa caratura del Vesuvio. Insomma, solo un harakiri potrebbe negare la gioia del ritorno in C1 al XV di coach Cascone. Chiuso il discorso promozione ci sarà in ogni caso un’ultima appendice il 7 maggio, quando con il recupero di Wolves Monteforte – Nato Lions si spegneranno definitivamente i riflettori sulla C2 campano/molisana edizione 2016/2017.

In vista del rush finale, che vale tutta la stagione, lo stop pasquale è stato accolto con particolare favore in casa Due Principati. Lo fa sapere il presidente Sbozza, che sulla scorta di quanto già dichiarato da Pericolo e Cascone, sottolinea come con il Vesuvio sia fondamentale chiudere con una vittoria, “per suggellare nel migliore dei modi – dice – una stagione perfetta, che ci ripaga di tre anni di lavoro. La pausa – aggiunge – ci aiuterà a smaltire gli acciacchi, e a ricaricare le pile in vista del big match”. Capitan Zizza e compagni hanno ripreso stasera la preparazione, ma si tratterà dell’unica seduta ufficiale della settimana. Causa chiusura del Vestuti, infatti, venerdì gli allenamenti procederanno individualmente e per gruppi. È stato invece prescritto il riposo per il weekend. Fra le irpine, ad ogni modo, non sarà solo la franchigia del presidente Sbozza ad attendere con trepidazione l’ultimo turno di regular season. Alla ripresa il IV Circolo Benevento/Ariano sarà chiamato all’ultima fatica contro il Campobasso per difendere il sudatissimo terzo posto in graduatoria dall’assalto finale della Sarnese. Sulla scorta di questo obiettivo, fortemente sentito dai sannito/ufitani - anche in virtù della sconfitta dell’andata contro i molisani da vendicare - la settimana di preparazione dei gialloblu è ripresa con normalità, e proseguirà fino a venerdì. Si è chiusa ieri invece la regolare attività di preparazione dei Wolves Monteforte. Dopo l’incoraggiante prova nel derby, la seduta di domani sarà infatti dedicata ad una partitella/festa in famiglia, prima del temporaneo ‘rompete le righe’.

Intanto, con la diramazione di questo pomeriggio delle sentenze del Giudice Sportivo, il Comitato Campano ha confermato la sconfitta a tavolino della Partenope per la rinuncia alla trasferta di Campobasso di domenica scorsa. Oltre al canonico 20-0 a tavolino, i napoletani hanno rimediato anche quattro punti di penalità, in virtù dei quali in classifica il XV cadetto passa da 17 a 13 punti, confermando in ogni caso il terzultimo posto. Sempre dal Comitato Campano arriva infine un’interessante novità, che riguarda un po’ tutto l’ovale regionale. Negli uffici di via Longo se ne discuteva da tempo, da pochi giorni si è però passati al classico nero su bianco. Parliamo del ‘concorso d’idee per l’ideazione e la progettazione del nuovo logo del Comitato Regionale Campano della Federazione Italiana Rugby’. Il bando, che sarà attivo fino al prossimo 21 maggio, avrà “l’intento – si legge nella nota della Fir Campania - di dare nuova visibilità ed una maggiore appetibilità all’immagine coordinata del movimento della palla ovale regionale”. Un aspetto importante del progetto riguarderà i destinatari. “Non ci sono restrizioni particolari per poter presentare la propria idea – precisa la nota - e possono partecipare al concorso tutte le persone fisiche senza alcun vincolo di età, così come è stata data l’opportunità ai professionisti del settore della grafica pubblicitaria e della comunicazione, di proporre il proprio contributo in qualità di persone giuridiche”. Più definiti saranno invece i parametri che dovrà rispettare la proposta: chiaro richiamo al gioco del rugby, e forte identità territoriale regionale. I progetti verranno vagliati dal Consiglio del Comitato, ma sarà anche possibile votarli sulla pagina facebook dell’organismo federale.

Foto di Guido Matarazzo

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.