Background ADV
  • Venerdì 20 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:00

Rugby – Ripescaggi: Arechi in Serie B, Vesuvio in C1. Due Principati, Sbozza: “Andiamo avanti con determinazione”

I ripescaggi a catena nei campionati di rugby premiano la Campania, con l’Arechi promosso in serie B e il Vesuvio in C1. Penalizzazioni: pagano San Giorgio del Sannio, Spartacus, Sarnese e Campobasso. C2: ci saranno Nato Lions, Angri e Zona Orientale. Due Principati, Sbozza: “Siamo affiliati fino al 2018, poi decideremo. La squadra è pronta ad affrontare le sfide di campionato”. Ariano, sfuma l’arena Mennea. ‘Entra nella Mischia’ si terrà al Renzulli. Ad agosto il club del presidente Pagliarulo protagonista nel calcio fiorentino e all’Ariano Folk Festival

Rugby – Ripescaggi: Arechi in Serie B, Vesuvio in C1. Due Principati, Sbozza: “Andiamo avanti con determinazione”

Cambio di assetto per il girone campano della C1 a circa due mesi dall’inizio delle ostilità. Come anticipato nella scorsa settimana, la rinuncia all’iscrizione in serie B della Sitav Rugby Lyons Piacenza, ha infatti liberato una casella, con il conseguente meccanismo dei ripescaggi che ha premiato anche una compagine della nostra regione. Più precisamente il Civitavecchia è stato inserito nel girone 2 del centro nord, il Reno Bologna è stato collocato in quello 3 (emiliano/lombardo/veneto), e a seguire l’Arechi Salerno Rugby è stato chiamato nel girone 4 del centro sud. Premiata dunque la truppa dei dragoni di coach Indennimeo, che nello scorso maggio aveva già sfiorato sul campo la promozione, perdendone il diritto solo nella gara di spareggio contro il Cus Catania sul campo neutro di Rende.

Con il passaggio nella categoria superiore dell’Arechi non cambia in ogni caso la composizione completamente campana del girone H della serie C1. Il posto vacante del raggruppamento è stato infatti stato assegnato al Rugby Vesuvio Casalnuovo, protagonista, come si ricorderà, della lotta testa a testa contro i Due Principati Avellino/Salerno nell’ultimo torneo di C2. Il novero delle partecipanti al raggruppamento diventa dunque il seguente: Partenope Napoli, Santa Maria Capua Vetere, Torre del Greco, San Giorgio del Sannio, Due Principati e Vesuvio. Rammentiamo anche la formula del torneo, che comincerà nel primo weekend di ottobre con girone all’italiana e gare di andata e ritorno. Al termine della prima fase le prime due classificate accederanno ad una successiva pool promozione insieme alle migliori degli altri due raggruppamenti del centro sud (pugliese/calabrese e siciliano/calabrese), sempre con partite di andata e ritorno. Solo il più forte dei sei club risulterà promosso in serie B. Le restanti quattro squadre di ogni pool territoriale giocheranno invece una fase play-out indipendente, gestita dai rispettivi Comitati, allo scopo di individuare salvezze, eventuali spareggi, e retrocessioni nella categoria inferiore.

Naturalmente il ripescaggio in C1 del Vesuvio si ripercuote di conseguenza anche sulla composizione della C2 edizione 2017/2018, ma su questo punto bisognerà attendere lumi dal Comitato Campano, e non è affatto escluso che se ne parli agli inizi di settembre. Assodata l’adesione del IV Circolo Benevento/Ariano, l’altra novità è la conferma della partecipazione dei Nato Lions, così come le iscrizioni delle debuttanti Zona Orientale Rugby Popolare Salerno e Angri Stallions. Al momento sembrerebbero inoltre confermate anche le partecipazioni di alcune delle reduci dello scorso torneo, come Spartacus, Sarnese, Napoli/Afragola cadetta e Campobasso, mentre, proprio dal Molise, l’ulteriore fatto nuovo potrebbe riguardare l’iscrizione anche degli Hammers Campobasso.

Sia per la C1 che per la C2 la Fir Nazionale si è anche espressa sui punti di penalizzazione per l’assolvimento dell’obbligatorietà. Nella categoria superiore il campionato comincerà con la penalizzazione di quattro punti per il San Giorgio del Sannio, mentre in quella inferiore la stessa pena è stata comminata allo Spartacus, alla Sarnese e al Campobasso. Infine, a chiusura del quadro delle novità pervenute a livello federale, il planning per la stagione 2017/2018, che fissa giornate agonistiche e pause per tutti i campionati. C1 e C2 proseguiranno sostanzialmente di pari passo, con l’inizio delle ostilità nel weekend del 1 ottobre, e la prima pausa esattamente un mese dopo. A novembre, in ogni caso, si giocherà solo il 6, mentre nelle tre settimane successive sarà dato spazio ai test match dell’Italrugby con Fiji, Argentina e Sud Africa. La pausa natalizia durerà come da tradizione un mese – dal 9 dicembre al 10 gennaio – mentre a febbraio e a marzo i campionati si fermeranno ancora in occasione delle gare degli azzurri al VI Nazioni.

Venendo alle vicende dell’ovale irpino, riecheggia ancora nell’aria la notizia a sorpresa del diritto di recesso esercitato dal Salerno Rugby nei confronti della franchigia Due Principati, che – in attesa di sviluppi – resta di fatto legata solo alla società dell’Avellino Rugby. Come si ricorderà, tuttavia, la scissione non ha intaccato in modo tangibile l’organigramma della squadra, con tecnici e giocatori di sponda salernitana che nella quasi totalità hanno deciso di contribuire alla nuova avventura in C1 dei rossoverdi. Tra questi in prima linea vi è il presidente del sodalizio, Gigi Sbozza, che a freddo così si esprime sulla fine del matrimonio sportivo della sua ex società con gli irpini: “Si tratta di una decisione del nuovo direttivo del Salerno – spiega – e che non ha trovato d’accordo me ed altri sei membri del vecchio organigramma”. Si tratta di Gigi Sbozza, dei coach Maurizio Cascone, Giuseppe Forestiero e Vittorio Liguori, dei giocatori Paolo Zizza e Corrado D’Ardia, e dei dirigenti, già precedentemente fuoriusciti, Peppe D’Angelo e Silvano Minelli, che l’anno prossimo allenerà l’Angri.

“Credo che l’intento del Salerno, così come in parte manifestato – aggiunge Sbozza – sia di ricostruire una casa comune del rugby salernitano insieme all’Arechi, e per questo auguro loro buona fortuna. Per quanto riguarda invece i Due Principati – precisa – siamo affiliati alla Fir fino al 2018, ed entro il prossimo anno provvederemo a dotarci di una nuova organizzazione, coinvolgendo un nuovo club nella franchigia, o trasformandoci in club indipendente”. Smaltito il cambiamento, i Due Principati - già a posto con la formazione seniores, alla quale si aggiungeranno con tutta probabilità anche ex Wolves Monteforte – stanno ora lavorando sul fronte juniores. L’obiettivo è portare ai nastri di partenza dei rispettivi tornei la formazione under 16 e quella under 14, mentre buoni feedback si attendono anche dai Progetti Scuola attivati tra Avellino e Salerno. La preparazione, per tutti i settori, dovrebbe riprendere subito dopo ferragosto.

Novità arrivano anche da Ariano, dove si lavora alacremente alle iniziative promozionali della parentesi estiva. La più importante fra queste è la terza edizione di ‘Entra Nella Mischia’, kermesse indetta dal club del Tricolle per il prossimo 27 agosto. Purtroppo la possibilità di sfruttare l’arena Mennea per dare una degna cornice all’evento è sfumata. L’appuntamento pertanto si terrà al campo Renzulli, con il programma che coinvolgerà i più piccoli in mattinata, e a seguire le esibizioni dei più grandi. Proprio la seniores del sodalizio del presidente Pagliarulo sarà inoltre protagonista di un’altra iniziativa. Il 13 agosto gli ufitani si cimenteranno infatti con il calcio fiorentino, in occasione della manifestazione “La rievocazione storica del dono delle sante spine”. Infine l’Ariano Folk Festival, collaudato evento musicale del Tricolle, che nei giorni del 18 e 19 agosto vedrà la partecipazione con un proprio stand in area collaterale del club ovale.

Foto di Mariolino Laudati

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.