Background ADV
  • Domenica 22 Luglio 2018 - Aggiornato alle 22:17

Rugby – Spareggio C1/C2, per il IV Circolo non tutto è perduto. Due Principati verso la conversione a club

Ultima fatica per il IV Circolo nello spareggio di ritorno con il San Giorgio del Sannio. Per guadagnare la promozione in C1 i sannito/ufitani devono vincere con bonus o con ampio margine, Armonico: “È difficile, ma noi ci crediamo”. Due Principati, tenuta la riunione societaria. Denominazione sociale verso la conversione di club e supporto tecnico a Cascone, le prime indicazioni emerse. Giovanili, Sbozza: “Gli Sport Days saranno una grande opportunità”

Rugby – Spareggio C1/C2, per il IV Circolo non tutto è perduto. Due Principati verso la conversione a club

Ultimo giorno di scuola in vista per le poche formazioni campane ancora impegnate in partite ufficiali. Con tutta probabilità infatti il prossimo weekend manderà in archivio definitivamente la stagione 2017/2018, con i mesi liberi di maggio e giugno che potranno essere sfruttati dal Comitato Campano e dai club per eventuali iniziative collaterali. Nei play-off di C1 è in programma l’ultima giornata, ma, come noto, i giochi sono chiusi da domenica scorsa, con la matematica promozione in serie B della Partenope Napoli. Il blasonato sodalizio campano potrà festeggiare il ritorno nella categoria superiore, dopo un solo anno di C1, tra le mura amiche, nella sfida dell’Albricci con il Salento Trepuzzi. L’altra campana del barrage, il Santa Maria Capua Vetere, affronterà invece la trasferta calabrese con il Rugby Reggio. Anche il discorso promozione/retrocessione di C1 e C2 è destinato alla conclusione. San Giorgio del Sannio e IV Circolo Benevento/Ariano si ritroveranno infatti per la gara di ritorno dello spareggio. All’andata, disputata ad Ariano, i dragoni sanniti si sono imposti 8-20, e dunque avranno un sensibile vantaggio, a maggior ragione perché troveranno a supporto anche le mura amiche del Comunale di San Martino Sannita. Per la direzione arbitrale è stato designato Daniele Lombardi, mentre il fischio d’inizio è al momento confermato alle 15.30.

Sensibile vantaggio, si diceva, per i padroni di casa del San Giorgio, che però non chiude il pronostico sul verdetto dello spareggio. Per compiere l’impresa promozione il IV Circolo ha in effetti varie opzioni. Può vincere con più di quattro mete o con più di 12 punti di scarto, indifferentemente, ma a patto che il San Giorgio non ottenga bonus. Se così fosse, tuttavia, i club potrebbero anche totalizzare lo stesso punteggio nel computo dei due incontri, e in questo caso si applicherebbero i criteri a scalare del regolamento, che nell’ordine sono: miglior differenza punti, maggior numero di mete, maggior numero di mete trasformate, e serie di calci piazzati. Una sconfitta, un pareggio, o una vittoria dei sannito/ufitani con doppio bonus dei dragoni, risolverebbero invece la questione in favore di questi ultimi. Fin qui il regolamento. In campo però i calcoli serviranno poco, come ha dimostrato l’andata, in cui il divario emerso tra i due club nel risultato finale, non è stato validato dal gioco espresso.

A sottolinearlo per prima, Annachiara Armonico, portavoce dell’Ariano Rugby, che così carica la squadra in vista del delicato impegno: “Temevamo i nostri avversari all’andata, perché provenienti da una categoria superiore – spiega – Il campo però ci ha detto che non siamo inferiori. In fondo le mete, esclusa quella tecnica, sono state una per parte, e fino alle battute conclusive il risultato è sempre stato in bilico. Per questo noi ci crediamo. Sappiamo in ogni caso che l’impresa non è delle più facili – ammette – ma non abbiamo nulla da perdere e questo può essere un vantaggio per stemperare la tensione. Comunque andrà – conclude – la seconda stagione di questo gemellaggio andrà in archivio con un passo in avanti rispetto all’anno scorso”. La preparazione dei gialloblu alla trasferta di San Martino Sannita è iniziata ieri con il primo allenamento congiunto. Coach De Vanna ha infatti voluto potenziare il lavoro di gruppo con una sessione aggiuntiva da associare alla rifinitura del venerdì. Giovedì infine beneventani e arianesi lavoreranno autonomamente nelle rispettive sedi.

Intanto, passando all’altra irpina dell’ovale, l’Avellino Rugby, si è tenuta regolarmente ieri sera la prima riunione societaria di post-season dei Due Principati Avellino/Salerno. Tanti, come si ricorderà, i punti all’ordine del giorno, per una discussione che si è rivelata fruttuosa, avendo già tracciato delle linee operative. Piatto forte dell’assise il futuro del sodalizio, con i rossoverdi chiamati a riconfermare la denominazione di franchigia o passare a quella di club. In questo senso i vertici avellinesi e salernitani sembrano intenzionati a perseguire la seconda strada, sempre che non maturino opportunità diverse con l’interessamento di altri club al progetto in tempo utile alle iscrizioni. Circa la guida tecnica, l’intenzione sarebbe invece quella della riconferma di coach Cascone, nel rispetto di un maggiore supporto richiesto dal trainer. Su questo versante, in aggiunta ad un assistant coach interno, si sta valutando la possibilità di coinvolgere anche un tecnico esterno. Discorso rinviato, infine, per quanto riguarda la presidenza, di cui si discuterà nel prossimo summit, in programma tra una settimana.

Il consiglio dei rossoverdi ha dedicato molto spazio però anche al tema delle giovanili, come al solito vero nodo cruciale per lo sviluppo della disciplina. Assodata la necessità di potenziare le juniores, la dirigenza del club proverà a lavorare per portare ai nastri di partenza della prossima stagione almeno l’under 14. Su questo fronte un interessante appuntamento sarà quello di domani presso la sede del Coni di Benevento, dove i sodalizi della Campania orientale e del Molise discuteranno di progettualità per le categorie under. Ma forse ancora più importanti saranno gli ormai imminenti Sport Days – in programma dal 1 al 20 giugno – che quest’anno, come noto, cambieranno location, traslocando da via Tagliamento al Parco Santo Spirito. Giocheranno letteralmente in casa, dunque, i Due Principati, per una vetrina che potrebbe fare molto bene in ottica di ampliamento del vivaio. “Si tratta di una grande opportunità – afferma il presidente dei prinicipi, Gigi Sbozza – per la quale stiamo lavorando ad una completa copertura, con l’auspicio che sia in grado di coinvolgere il maggior numero di nuovi adepti”.

Ultima modifica ilGiovedì, 03 Maggio 2018 18:01

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.