Background ADV
  • Martedì 25 Settembre 2018 - Aggiornato alle 15:05

Rugby – Spareggio C1/C2: illusione IV Circolo, poi risorge il San Giorgio. C2, lo Spartacus perde il terzo posto

Un minuto di silenzio per Rebecca negli appuntamenti domenicali della palla ovale italiana. A San Martino Sannita il San Giorgio del Sannio vince anche lo spareggio di ritorno con il IV Circolo, e conserva la C1. Inserra: “Eravamo partiti bene, poi ci ha punito il calo fisico”. Recupero Sarnese – Spartacus, quattro punti di penalità per entrambi i club. Play-off C1, la Partenope supera agevolmente il Salento Trepuzzi e torna in serie B conservando l’imbattibilità nel barrage

Rugby – Spareggio C1/C2: illusione IV Circolo, poi risorge il San Giorgio. C2, lo Spartacus perde il terzo posto

Comincia bene l’ultima fatica stagionale del IV Circolo Benevento/Ariano, ma l’illusione dura poco. Il San Giorgio del Sannio vince infatti anche lo spareggio di ritorno e conserva la serie C1. Per i gialloblu resta invece la soddisfazione di averci provato, e di aver combattuto fino all’ultimo. In due anni di gemellaggio sannito/ufitano sono arrivati nell’ordine un terzo e un secondo posto. Chissà, magari la prossima stagione sarà quella giusta per la promozione. 36-9, ad ogni modo, il finale del Comunale di San Martino Sannita – all’andata era finita 8-20 per il San Giorgio - con gli ospiti che nel primo quarto d’ora hanno sfruttato a dovere la piazzola per il +9, e i padroni di casa che sono usciti fuori alla distanza, infliggendo un parziale shock, fatto di un piazzato e cinque mete. Sempre per la C2, è arrivata la sentenza del Giudice Sportivo circa la sospensione del recupero di Sarnese – Spartacus di domenica scorsa. “Sono venute a mancare le condizioni minime di sicurezza” al 29esimo del primo tempo: questo il motivo segnalato dal signor Panariello e per il quale entrambe le compagini sono state sanzionate con la sconfitta a tavolino e quattro punti di penalità. Punizione che costa cara soprattutto allo Spartacus, che scende dal podio, perché a quota 38 torna quarto dietro gli Hammers Campobasso.

Tornando allo spareggio promozione/retrocessione di C1 e C2, scatta regolarmente alle 15.30 il fischio d’inizio di San Giorgio – IV Circolo. Sotto la direzione di Daniele Lombardi i due XV osservano però prima un minuto di silenzio, in concomitanza con tutti i campi nazionali, per commemorare la 19enne Rebecca Braglia, per la cui prematura scomparsa tutto il mondo della palla ovale italiana, e non solo, ha pianto questa settimana. Sul rettangolo di gioco i gialloblu di coach De Vanna, anche oggi in tenuta verdeblu, appaiono ben sistemati, e nelle prime fasi provano subito a imbastire l’offensiva. Il San Giorgio è però attento in difesa e concede poco o nulla. Come spesso accade in questi casi gli ospiti allora optano per la piazzola. Il cecchino di turno è Borracino, che insacca al 12esimo. La posta in palio è altissima, e lo 0-3 fa subito salire la temperatura degli animi. Lombardi ristabilisce l’ordine con il primo giallo, rifilato ai locali, mentre i sannito/ufitani ne approfittano per tornare dalla piazzola e allungare. Come in una perversa sequenza, al secondo calcio dei verdeblu segue il secondo cartellino dei locali, due minuti dopo, con gli ospiti che beneficiano di due uomini in più in campo. L’occasione è troppo ghiotta, e se la meta non arriva, al 27esimo arriva almeno il terzo calcio di Borracino, che fissa lo 0-9 un attimo prima del ripristino della parità numerica.

L’impresa non appare più impossibile per capitan Vetrone e compagni, ma a riportare tutti i piedi per terra ci pensa il XV di casa, che superate le difficoltà iniziali comincia a far salire il baricentro. Al 32esimo anche il San Giorgio può sfruttare un calcio, e non fallisce, mentre al 37esimo arriva la prima meta di giornata, che insieme alla trasformazione frutta il 10-9 che frantuma i sogni dei verdeblu. Peraltro anche nella circostanza, come all’andata, si tratta di meta tecnica, che condita al giallo affibbiato a Ievole chiude nel peggiore dei modi un primo tempo molto ben interpretato invece dal IV Circolo nella prima parte. A voler essere precisi, la meta tecnica chiude anzitempo l’intero sipario sullo spareggio, perché nella ripresa il San Giorgio attiva la modalità rullo compressore e trova il raddoppio già al 43esimo, sempre con un gioco da sette. De Vanna effettua il primo cambio, con De Duonni che rileva Terlizzi, ma al 48esimo è ancora il San Giorgio a realizzare, così come al 52esimo, per il momentaneo 29-9. Piove sul bagnato al 55esimo, quando anche De Blasio riceve il giallo, mentre al 57esimo entrano Riccio e Gramazio per Schiavo e Bongo. Ma i padroni di casa non sono sazi, e al 59esimo infilano la quinta meta e il quarto calcio, per il 36-9. I cambi si susseguono – per gli ospiti entreranno ancora Pagliarulo e Lisella per Ievole e Giangregorio – ma la benzina va progressivamente esaurendosi, con l’offensiva dei dragoni sanniti che andrà a scemare fino al triplice fischio.

“Avevamo approcciato alla partita come meglio non si poteva, poi però ci siamo pian piano disuniti, complice un evidente calo fisico, che unito alla pressione del San Giorgio ci ha fatto inevitabilmente soccombere”. Ad analizzare così la gara è Antonio Inserra, seconda linea del IV Circolo, che aggiunge: “Quello che ci ha detto oggi il rettangolo di gioco ci deve servire come insegnamento per il futuro, per ripartire subito con gli allenamenti in vista del prossimo campionato”. In effetti all’orizzonte si profila ora l’ultima fase della stagione, che come da tradizione potrebbe essere riempita solo da eventi a carattere regionale. In attesa di eventuali iniziative del Comitato Campano o dei club, anche per il IV Circolo si aprirà contestualmente la fase programmatica. Da riconfermare, in primis, c’è l’intesa tra beneventani e arianesi. Ma novità potrebbero arrivare anche dal Giudice Sportivo, a causa del rebus che si profila in estate per i ripescaggi. Uno scenario che in ogni caso non appassiona Inserra. “Sarebbe stato più bello – dice - conquistare la C1 sul campo”.

IV Circolo Benevento/Ariano: Melito, Iannone, Schiavo (57° Riccio), Belmonte, Inserra, Ievole (63° Pagliarulo), Bruno, De Blasio, Orlando, Zeoli E., Bongo (57° Gramazio), Zeoli G., Terlizzi (47° De Duonni R.), Giangregorio (67° Lisella), Borracino

Chiudiamo con i play-off di C1 per Campania, Puglia, Sicilia e Calabria, che oggi proponevano il decimo e ultimo turno del barrage. Come noto il verdetto promozione era già stato espresso domenica scorsa in favore della Partenope Napoli, ma lo storico sodalizio napoletano non si è voluto farm mancare un ricco festeggiamento per il ritorno in serie B. La sfida conclusiva con il Salento Trepuzzi si è infatti chiusa con un roboante 63-3, che porta in dote altri cinque punti al cammino straordinario dei napoletani: dieci gare e dieci vittorie nei play-off, per un totale di 46 punti e più di dieci lunghezze di vantaggio sulle inseguitrici.

Foto di Chiara Iacobacci

Ultima modifica ilDomenica, 06 Maggio 2018 20:11

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.