Background ADV
  • Venerdì 26 Aprile 2019 - Aggiornato alle 06:05

Rugby – Coppa Campania, si candida anche Ariano. S. Spirito, l’allarme di Mernone: “Non perdiamo i fondi per l’illuminazione”

Coppa Campania Seven, diramati dal Comitato Campano i crismi per la partecipazione alla quinta edizione. Avellino e IV Circolo, la partecipazione è ancora in bilico mentre Ariano si propone per ospitare una tappa al Mennea. Juniores: intensa attività delle irpine nei prossimi mesi, Santo Spirito al centro del programma federale. Mernone: “Ci fa piacere ospitare eventi regionali, vorremmo farlo anche d’inverno. I fondi per l’illuminazione ci sono ma vanno acquisiti entro la fine dell’anno”. Play-off C1: San Giorgio in fuga verso la B, Torre perde terreno. Domenica sarà derby tra campane

Rugby – Coppa Campania, si candida anche Ariano. S. Spirito, l’allarme di Mernone: “Non perdiamo i fondi per l’illuminazione”

Con i soli play-off di C1 ancora in corso – al termine mancano tre giornate – il rugby campano della serie C ha sancito già a marzo i restanti verdetti sportivi. La stagione tuttavia non è conclusa, perché a maggio sarà tempo di rugby seven e della quinta edizione della Coppa Campania, che nacque invece nel triennio precedente nella versione a 15. In questo senso non si è fatta attendere la comunicazione del Comitato Campano, che ha dettato ufficialmente tempi e modi per la partecipazione dei club interessati. Come anticipato i termini per le iscrizioni – aperte alle squadre delle categorie seniores, maschile e femminile, under 18 e under 16 – scadranno a fine mese, precisamente alle ore 16.00 di martedì 30. Il torneo scatterà invece domenica 12 maggio e si svilupperà su un calendario di tappe che verrà predisposto alla chiusura delle adesioni e delle disponibilità dei campi. Proprio a questo proposito, e a prescindere dalla partecipazione di Avellino e IV Circolo alla kermesse, l’Irpinia potrebbe comunque assaggiare la Coppa Campania 2019 grazie all’Ariano Rugby. Il sodalizio del presidente Pagliarulo ha infatti proposto il Mennea per una tappa ed ora bisognerà attendere solo la risposta federale.

Intanto i sodalizi dei coach Mernone e De Vanna non hanno ancora affrontato appieno la discussione in merito alla partecipazione o meno al torneo. Come si ricorderà da ambo i quartier generali erano emerse perplessità sulla possibilità di allestire un organico adeguato e competitivo per il seven, ed è verosimile credere che i nodi verranno sciolti dopo le festività pasquali. Le strade di Ariano e Avellino si dividono invece in materia di programmi. Cominciando dagli ufitani, raggiunta in grande spolvero la salvezza in C1 tra le fila del IV Circolo, gli allenamenti non si sono fermati. Per quanto riguarda le sedute per le prossime settimane l’intenzione del club arianese è quella di trasferire la preparazione dal Renzulli al Mennea, dove proseguire poi fino a giugno. Per il trasloco saranno le condizioni meteo a dettare i tempi. Ma Pagliarulo ed il suo staff stanno lavorando anche ad un’altra iniziativa, focalizzata sul settore giovanile. “L’idea – spiega Annachiara Armonico, portavoce della società del Tricolle – è di organizzare tra l’altro degli allenamenti dimostrativi, coinvolgendo anche il mondo dell’associazionismo, allo scopo di promuovere con il più ampio bacino d’utenza possibile la nostra disciplina”.

In casa Avellino la fine delle ostilità di regular season ha portato invece ad una temporanea sospensione degli allenamenti nella scorsa settimana, con la ripresa che potrebbe coincidere con questo weekend. Molto più intensa è al contrario l’attività juniores, con i talenti in erba della società del presidente Roca che continuano la preparazione al Santo Spirito, e non solo. Sabato scorso i lupacchiotti hanno partecipato infatti ad un concentramento under 6-12 al Pacevecchia di Benevento, mentre domenica prossima aderiranno alla prima edizione del torneo Città di Tivoli di minirugby, in compagnia dei pari età dei Draghi Telese. Sempre in ambito juniores, Avellino tornerà nuovamente al centro dell’attività rugbistica regionale nelle prossime settimane. L’occasione sarà rappresentata dai raduni federali under 14 e under 16, che saranno ospitati anche al Santo Spirito il 23 aprile e il 7 e 13 maggio. “Si tratta di una notizia positiva – commenta coach Mernone – che dà visibilità alla palla ovale e valorizza la nostra struttura. A questo proposito ci gratifica che la Federazione scelga la nostra sede, anche per la sua valenza strategica da un punto di vista geografico, ma dispiace – sottolinea - di non poter approfittare di importanti vetrine come queste anche in inverno”. Come si ricorderà, il problema del Santo Spirito è l’assenza dell’impianto d’illuminazione, che per la stagione appena conclusa ha peraltro costretto il XV neroverde ad allenarsi a Manocalzati. “Da quanto ci risulta – spiega ancora Mernone – i fondi per sbloccare i lavori sarebbero già pronti in Regione, ma qualche ingranaggio sembra essersi inceppato a livello locale. È un grande dilemma – avverte – perché i termini per lo stanziamento scadono a fine anno e sarebbe un vero peccato perdere il treno. L’auspicio – conclude - è che tutto si risolva con l’insediamento della nuova giunta comunale”.

Chiudiamo con una panoramica sui play-off di C1, che nel settimo turno del girone H hanno riconsegnato gioie e dolori alle due campane. Sorride a 32 denti il San Giorgio del Sannio, che dopo aver incassato la vittoria a tavolino con il Cus Cosenza non si ferma neanche contro Ragusa, superata tra le mura amiche 26-14, e vola così in fuga verso la B. Si rammarica invece Torre del Greco, che perde 39-12 in casa dell’Amatori Catania, e vede così allontanarsi il salto di categoria. Non migliora la situazione dei corallini l’ultimo risultato di giornata, con le Tigri Bari vincenti 29-0 sul Cus Cosenza. A tre giornate dal termine il San Giorgio è dunque primo a 27 punti, davanti a Ragusa e Tigri Bari (21), Amatori Catania (20), Torre (17), e Cosenza a -2 a seguito della penalizzazione. Anche il prossimo turno offrirà scontri interessanti, a cominciare dal derby campano di ritorno tra Torre e San Giorgio. Una vittoria dei vesuviani riaprirebbe clamorosamente il discorso per il salto di categoria, mentre un successo dei dragoni sanniti potrebbe rivelarsi quasi decisivo per la sua chiusura. Non meno importante è la posta in palio in Amatori Catania – Tigri Bari, mentre il Ragusa potrebbe sfruttare la situazione facendo visita alla cenerentola Cosenza.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.