Background ADV
  • Mercoled√¨ 23 Agosto 2017 - Aggiornato alle 04:11

Scandone, conferme e ‚Äėparco‚Äô italiani le priorit√†

Lo staff dirigenziale e tecnico valuta la posizione dei veterani e il rendimento dei giocatori indigeni, ma potrebbe ‚Äėinvertire‚Äô i passaporti. Ragland e Fesenko i pezzi pregiati

  • di Raffaello Califano
  • 0 commenti
Scandone, conferme e ‘parco’ italiani le priorità

Parlare di mercato in questo momento √® come dilettarsi col fanta-basket, anche se un paio di club hanno gi√† ufficializzato qualche colpo. Comincia una fase importante, durante la quale le societ√† pi√Ļ organizzate ed ambiziose cercano di allargare innanzitutto il parco italiani. Merce rara, sicuramente. Ma muovendosi per bene e per tempo le alternative non mancano.

La Scandone ha nuovamente puntato su un pacchetto lunghi tutto 'bianco', utilizzando sotto canestro 2 passaporti autoctoni. Possibile che lo staff dirigenziale e tecnico cambi strategia e intervenga nel settore esterni. Scelta (nel caso) condivisibile. Se venissero confermati alcuni dei senatori, andrebbero 'coperti' con elementi dotati di atletismo e versatilità... altrimenti va a finire come contro Reggio Emilia o Venezia. Inutile piangere sul latte versato, ovviamente. Per vincere devono incastrarsi svariate combinazioni nonostante, a mente fredda, restiamo convinti che la Scandone abbia sprecato un'occasione unica, in campionato e nelle coppe.

In molti vorrebbero rimanere. E ci mancherebbe pure, considerato come vengono trattati qui da noi. Ma la societ√† ha il diritto/dovere di tutelarsi e migliorare. Con tutto il rispetto e la gratitudine, 'le bandiere' si ammainano al momento giusto. Occorrono budget definito e idee chiare. Per certi versi al di l√† dei problemi di abbondanza  la squadra dello scorso anno sembrava strutturata meglio ed aveva ruoli ben definiti (gerarchie comprese).

Si parla di De Nicolao, come play di riserva. Magari, aggiungiamo noi. Scardinare certi equilibri non sar√† facile, ma conta innanzitutto il bene della Sidigas e il risultato sportivo. Il contesto Avellino ha aiutato e i traguardi raggiunti hanno emozionato ma ‚Äď col senno di poi ‚Äď in tanti hanno deluso (singolarmente) le aspettative. Prematuro passare al toto-nome, anche se andrebbero confermati solo i giocatori chiave. Insostituibili. Almeno si spera.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.