Background ADV
  • Mercoledì 28 Giugno 2017 - Aggiornato alle 22:50

Il mercato della Scandone ruota innanzitutto sulle conferme

Anche se ricostruisse un’asse play / pivot da sogno con Ragland e Fesenko, il futuro della Sidigas sarebbe paradossalmente legato ad altre scelte e partenze. Le cocenti eliminazioni con Grissin Bon e Umana hanno inquietanti similitudini

Il mercato della Scandone ruota innanzitutto sulle conferme

Tutto anzi, molto ruota intorno a Ragland. Almeno sembra. La situazione appare abbastanza 'semplice'. Qui ad Avellino il ragazzo sta benissimo e si sente coccolato. E, per carità, guadagna pure tanto ed è piuttosto 'libero'. Ovvio però che all'estero monetizzerebbe (e non di poco) le sue eccellenti stagioni in terra irpina. Discorso similare per Fesenko: elemento che sposta ma, oggettivamente, meno decisivo e più condizionante del maghetto di West Springfield.

Entrambi manco a dirlo hanno stabilito un legame particolare (quasi indissolubile) con l'ambiente biancoverde. E farebbero addirittura qualche rinuncia economica pur di restare con la Scandone. Staremo a vedere naturalmente, anche se ripartire da un'asse play / pivot di questo livello sarebbe già di per se importante. E costosissimo, sia chiaro. Super Joe e big Kyrylo peraltro ricoprirebbero un ruolo chiave nello scacchiere di coach Sacripanti, il quale ha bisogno di giocatori con tali caratteristiche. Al patron De Cesare e al diesse Alberani il compito di accontentare l'allenatore e condurre le trattative, sempre in relazione al budget (non ancora definito) investito dalla proprietà e a disposizione dell'area tecnica. Se su Logan diventa complicato esprimersi... si ha la sensazione che, paradossalmente, il basket mercato della Sidigas dipenda innanzitutto da altre tipologie di conferme. Almeno se si vuole vincere. Data per scontata la partenza delle altre 2 matricole, (Randolph ha già firmato per Sassari) discorso complesso comunque... bisognerebbe firmare italiani che facciano la differenza e sfoltire la nutrita pattuglia di senatori. Atletismo, fame e serietà le priorità.

Sentiamo spesso parlare di Jones (anche lui dato vicino a Sassari) ben venga eh, rimasto in tribuna per 8 gare di fila... Ci sono delle inquietanti similitudini – in termini di gerarchie, minutaggio e tenuta rispetto alle cocenti eliminazioni con Reggio Emilia (2016) e Venezia (2017). Poi ognuno ha le sue idee ed opinioni (individuali e rispettabilissime), anche perché non decidono né i media né i tifosi.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.