Background ADV
  • Mercoledì 14 Novembre 2018 - Aggiornato alle 23:11

Scandone, all'esame europeo c'è il Banvit

Luci della ribalta sul big match di coppa fra la nostra Scandone ed i quotati turchi. Ancora assenti Campogrande e Costello, quasi pronto Campani. In palio punti pesanti nelle dinamiche del girone A. Palla a due alle 20:30 e diretta Rai

  • di Raffaello Califano
  • 0 commenti
Scandone, all'esame europeo c'è il Banvit

La precedente sconfitta (evitabilissima) rimediata in quel di Murcia e la successiva trasferta di Le Mans (mercoledì 14) rendono ancor più importante la partitissima di stasera col Banvit. Queste le 3 avversarie più quotate del girone A che assieme all'ambiziosa Sidigas (speriamo) dovrebbero giocarsi le prime 4 posizioni utili a raggiungere gli ottavi di finale della Champions League (gare di andata e ritorno ad eliminazione diretta). E nello specifico, quello turco sembra proprio il competitor più fisico ed attrezzato del raggruppamento.

Diciamo subito che il turno e l'orario infrasettimanali aggiunti al ricchissimo palinsesto calcistico in TV e la diretta Rai  non devono essere una scusante per non correre al Paladelmauro (ore 20:30) a tifare Scandone. Bisogna comprendere che il panorama europeo offre uno spettacolo per certi versi ancor più tosto ed affascinante del campionato (seguito con maggiore frequenza e pathos).

Reduci dal + 18 sul Nizhny Novgorod, gli arancio-verdi del vulcanico Gurgen arrivano in terra irpina per fare bottino pieno. Il talento 'ondivago' di Thornton, Oliver e Bircevic (serbo) non consente alla compagine della Mezza Luna di quadrare (ancora) il cerchio. Il gioiellino Hazer, il collante Perez e la roccia Morgan costituiscono la spina dorsale di un gruppo in grossa crescita. Quintetto base chiuso di solito dalle promesse indigene Ulusoy ed Oncel (fra gli esterni) oltre ad Osmani e Atar (sotto le plance).

Format 5 + 5 e grande spazio per i giocatori autoctoni, segno di un movimento in evidente espansione. Un roster piuttosto atletico e profondo per una delle big della Basketbol Super Ligi (meglio nota come BSL). Il rendimento alla Kara Ali Acar Sporthall (la loro tana) viene spesso mortificato da una sorta di mal di trasferta, ma la contesa appare assai e sentita e complessa. Uno stimolo in più per le stelle della rimaneggiata Avellino (assenti Campogrande e Costello, quasi pronto Campani). Una stuzzicante vetrina per i campionissimi Cole, Green e compagnia cantando. Non che Sykes, Nichols e N'Diaye siano nati ieri. Tutt'altro! Assieme ad una vecchia guardia che scalpita e sa bene cosa significa giocare (e vincere) con e per questa maglia.

Ultima modifica ilMercoledì, 07 Novembre 2018 12:51

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.