Background ADV
  • Venerdì 22 Marzo 2019 - Aggiornato alle 13:32

Testa-coda con Pistoia, la Scandone resta sul pezzo...

Sidigas ampiamente favorita, ma coach Vucinic tiene tutti sulla corda ed alza l’asticella. Dubbi e assenze anche sulla sponda OriOra, anche se la Sidigas non si fida del pronostico e vuol piazzare il settimo sigillo di fila. Palla a due alle 18 ed appello della squadra al pubblico amico

  • di Raffaello Califano
  • 0 commenti
Testa-coda con Pistoia, la Scandone resta sul pezzo...

Diciamo subito che momento, numeri e roster alla mano, la quotata Scandone scende in campo decisamente da favorita. Guai però a sottovalutare la fame e l'orgoglio di Pistoia. E sia chiaro a prendere la gara odierna sotto gamba. Molto dipenderà dalla premiata ditta Johnson & Johnson che ovviamente non tratta prodotti cosmetici... Parliamo del metronomo Kerron, cui spetta il bastone del comando (ad oggi). E del fromboliere Dominique (vecchio pallino del diesse Alberani), che il club amaranto sta provando a trattenere in ogni modo. Ma la formazione toscana può far male anche con le due ali: il talentuoso Peak e l'ex Auda (il mancino ceco che in primavera fece una tardiva e promettente apparizione ad Avellino). Il centrone Krubally, invece, ha perso immediatamente il suo back up Gladness (già infortunato). Interessanti le addizioni autoctone dalla panchina (cortissima). Innanzitutto i gioiellini Bolpin e Severini. E poi i giovanissimi Della Rosa e Martini. Una missione salvezza complessa oggettivamente quella affidata al 54enne livornese Ramagli il quale per certi versi gioca quasi in casa.

Reduce dalla brillante affermazione sulla sorpresa Varese, la OriOra scende in terra irpina col chiaro intento di piazzare un colpaccio che varrebbe tanto oro quanto pesa (dal suo punto di vista). Di tutt'altra opinione ovviamente l'ambiziosa Sidigas, al di là dei buonissimi rapporti fra le società e le tifoserie. Non a caso, difatti, la formazione biancoverde scontò proprio al Palacarrara la seconda ed ultima giornata di squalifica relativa al lancio della bottiglietta negli scorsi play off con Trento. Sembra passata una vita nel bene e nel male dall'atteso esordio del 6 ottobre 2018 ('passeggiata di salute' con Cantù e 98 ad 81 finale). Intanto, Filloy e compagni vogliono proseguire nella loro straordinaria striscia di successi consecutivi (ad oggi 6 e il tassametro corre...). E per l'occasione (palla a due alle ore 18) chiamano a raccolta il pubblico amico, per vincere ancora e chiudere al meglio un girone di andata che almeno sul parquet Ã¨ stato davvero fantastico. Ancor più in relazione ai fastidiosi ed evidenti ostacoli saltati (finora) da Nichols e soci.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.