Background ADV
  • Giovedì 25 Aprile 2019 - Aggiornato alle 00:10

Vucinic: "Siamo stati bravi a metterci cuore. Ora dobbiamo pensare alle Final Eight."

"Affrontare Brindisi sarà arduo: sono la squadra più in forma in questo momento. Speriamo che Young, D'Ercole e Campani riescano a recuperare."

Vucinic: "Siamo stati bravi a metterci cuore. Ora dobbiamo pensare alle Final Eight."

La Sidigas Avellino torna alla vittoria e arriverà alle Final Eight con un il vento in poppa. La squadra di Vucinic ha rischiato di vedersi sfuggire l'ennesima partita nel primo tempo, ma è stata brava a recuperare, giocando con intensità.
"Sono molto contento della vittoria, per i giocatori e per la stagione. Non mi sono mai trovato da coach in una simile situazione di sfortuna e sembra che stia continuando. Ricostruire la squadra nel mezzo della stagione è un obbiettivo non semplice ma posso dire che i giocatori ce la stanno mettendo tutta. La nostra confidenza stava scemando ma abbiamo saputo usare la testa e il cuore e ce l'abbiamo fatta. Ovviamente è un peccato aver lasciato così presto la Champions ma dobbiamo concentrarsi sulle Final Eight. E' sicuramente difficile giocare contro Brindisi, che è una delle squadre più in forma, ma dobbiamo essere furbi e coraggiosi e prepararci a dovere."

Young ha abbandonato il campo zoppicando, e questo ennesimo infortunio rischia di compromettere di nuovo le rotazioni, soprattutto perché si va ad aggiungere alle defezioni del primo tempo di D'Ercole e Campani.
"Questa è stata la prima volta dopo tanto tempo che abbiamo giocato con dodici giocatori. Speriamo non sia l'ultima. Non sappiamo ancora cosa abbia Young. Avverte un dolore al piede, il che non è un buon presagio, ma ora possiamo solo aspettare i risultati medici. Anche D'Ercole effettuerà una radiografia al dito e speriamo non sia niente di serio. Anche Campani ha lasciato il cmapo per un taglio ma non dovrebbe essere nulla di serio. Sia D'Ercole che Campani sono stati una parte importante della rimonta e dispiace abbiano dovuto abbandonare il match."

Campogrande è entrato in campo proprio a seguito dell'infortunio di D'Ercole e ha ben figurato, come spesso gli succede nelle ultime giornate.
"Quando sei giovane e vieni dalla Lega due la preseason è importantissima per arrivare pronti al salto di categoria. Lui non ha avuto questa possibilità ma sta migliorando e sta diventando un giocatore di serie A."

Grande protagonista del match è stato senza dubbio Harper, vero trascinatore nel secondo quarto, quando la Scandone arrancava e stava per cedere.
"Harper è un giocatore di squadra e per la squadra. Gli abbiamo chiesto qualcosa di più in un momento così difficile e lui ce l'ha data. Ha mostrato quello che sa fare."

Logicamente l'attesa per la Coppa Italia è altissima, e i tifosi sperano di poter vedere Nichols in campo. Tuttavia l'allenatore serbo smorza gli entusiasmi e fa chiarezza anche sulla situazione di Costello.
"Nichols non giocherà sicuramente a Firenze. Le possibilità sono bassissime: deve stare fuori almeno altre due settimane. Costello non credo che torni entro la fine dell'anno, poiché deve ancora operarsi. Sarebbe bello riaverlo ma non credo."

Ultima modifica ilDomenica, 10 Febbraio 2019 17:44

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.