Background ADV
  • Venerdì 22 Marzo 2019 - Aggiornato alle 06:56

Nichols sfoglia la margherita, ma Reggio Emilia è già nel mirino

Oggi il ritorno del jolly biancoverde dagli Stati Uniti. La speranza è che possa finalmente tornare in campo. Se così fosse, coach Vucinic avrebbe addirittura problemi di abbondanza

  • di Raffaello Califano
  • 0 commenti
Nichols sfoglia la margherita, ma Reggio Emilia è già nel mirino

Il peso specifico dell'auspicata addizione-Nichols è talmente elevato che le attenzioni dell'ambiente sono innanzitutto rivolte al (già programmato) ritorno del jolly biancoverde dal suo legittimo ed ulteriore viaggio negli Stati Uniti. La speranza è che il medico di fiducia gli abbia dato finalmente l'ok definitivo, altrimenti lo scenario cambierebbe completamente. Di nuovo.

Ovvio che con un allenatore ed 'un sistema' migliori la falla aperta nel post Murcia sarebbe stata tamponata diversamente. E nemmeno il periodaccio della Scandone può essere giustificato 'solo' con la pesantissima assenza del collante USA. E' altrettanto vero però che alla compagine irpina è venuta a mancare proprio la pedina più importante anzi, forse l'unica insostituibile del suo complesso e logoro scacchiere. Si vedrà. Peraltro se da Boston arrivassero notizie positive coach Vucinic sarebbe 'costretto' addirittura al turnover più o meno spinto. Il ché sembra 'tanta roba' a prescindere, grazie agli enormi sacrifici sostenuti dalla proprietà. Premesso che il politically correct e le dichiarazioni di rito prevederanno la seguente dichiarazione: 'decideremo a seconda della partita e dell'avversaria'... riteniamo che abbassare il quintetto e puntare su elementi versatili, tenendo fuori la gazzella N'Diaye, sia la soluzione più produttiva ed efficace, anche se la mancata costruzione dei tiri e le indecifrabili idee del buon Nenad mettono 'il povero' Silins in una posizione (forse) più debole. Solo sensazioni, per carità.

Magari d'altronde ci fossero tali problemi di abbondanza! E poi ci sarebbero tante (altre) modifiche tattiche e strutturali da apportare... Più Harper, meno Filloy? Più Campogrande, meno D'Ercole? Si vedrà, almeno in questa fase. Intanto a Basket City l'ex Sacripanti non mangerà la colomba. Modi e tempi discutibili in casa Virtus, ma scelta prevedibilissima. E forse tardiva, per gli obiettivi ambiziosi e la pazienza limitata di una piazza importante e vincente come Bologna laddove (lì 'sì'!) la pressione soffocherebbe chiunque. Figuriamoci 'il nostro' Pino. E purtroppo ne sappiamo qualcosa... anche se paradossalmente ci tocca addirittura rimpiangerlo. Un affettuoso in bocca al lupo a lui che, esonerato proprio nella sua Cantù, sarà sostituito da un altro serbo: il campionissimo Djordjevic.

Ultima modifica ilMercoledì, 13 Marzo 2019 18:55

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.