Background ADV
  • Venerdì 22 Marzo 2019 - Aggiornato alle 06:55

Infortuni Scandone, l’analisi dello specialista

‘In linea di massima alcuni malanni non necessitano di tempi di recupero così lunghi, ma non conosco i dettagli e parlo in linea generale’. Così il dottor Gabriele Speranza, apprezzato medico-fisiatra e tifosissimo della Scandone: ‘sono convinto che disputeremo un finale di stagione entusiasmante, magari al completo’

  • di Raffaello Califano
  • 0 commenti
Infortuni Scandone, l’analisi dello specialista

'Le premetto che non ho visitato io i pazienti e non ho letto i referti ma – da tifoso che assiste alle partite ed osserva i movimenti degli atleti – notavo ad occhio nudo le difficoltà di salto e corsa di N'Diaye e Young, per esempio'. Così il dottor Gabriele Speranza, apprezzato medico-fisiatra e convinto sostenitore della Scandone. 'Alcuni infortuni, dice, sono causati da dinamiche sbagliate che poi provocano problemi di altro tipo.

Naturalmente però non conosco i dettagli. Mi limito solo a constatare, aggiunge lo specialista, che in linea di massima una distorsione alla caviglia, una fascite plantare o una semplice lombalgia non necessitano di periodi così lunghi. Normalmente i club di alto livello utilizzano tecniche particolari e protocolli d'urgenza per accorciare al massimo i tempi di recupero e stare al passo con gli impegni agonistici. Ovvio che il cosiddetto overuse (letteralmente eccessivo utilizzo ndr.) provochi infiammazioni ai legamenti ed a i tendini. Ed aumenti il coefficiente di rischio'.

Da spettatore esterno ed ortopedico quotato, il dottor Speranza chiosa: 'conosco alcuni dei componenti dello staff e sono ottimi professionisti. Di solito, la migliore ricetta è il confronto fra i vari settori. Capisco i contratti ed i regolamenti, ma non sono d'accordo che un giocatore debba essere diagnosticato e curato all'estero. E per svariate ragioni'. E chiarisce: 'preciso che le mie considerazioni sono soltanto di carattere generale. Peraltro, non so se, al loro arrivo ad Avellino, alcuni dei nostri campioni avessero già delle complicanze o recidività. Ma qui il discorso si amplierebbe troppo e non spetta a me analizzare la questione'. Infine l'augurio: 'sono una persona estremamente positiva e mi auguro che ancor più al completo la Sidigas possa disputare un eccellente finale di stagione e dei fantastici play off. Peccato per le due Coppe. Il Paladelmauro mi trasmette sempre delle bellissime emozioni'.

Ultima modifica ilVenerdì, 15 Marzo 2019 12:26

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.