Background ADV
  • Venerd√¨ 26 Maggio 2017 - Aggiornato alle 17:03

Calcioscommesse, l'Avellino ricorre contro la penalizzazione di tre punti

Discorso diverso per la Procura Federale che non mette in discussione la sentenza emessa lo scorso 12 aprile. C'è il ricorso in appello da parte di Millesi e Izzo

Calcioscommesse, l'Avellino ricorre contro la penalizzazione di tre punti

La Procura Federale non √® ricorsa in appello dopo la sentenza dello scorso 12 aprile emessa dal Tribunale Federale Nazionale per il processo calcioscommesse della stagione 2013-14 che riguardava alcuni tesserati dell'Avellino.

L'accusa, quindi, non ha ritenuto di chiedere una rivisitazione della sentenza. Ritenendo pi√Ļ che valide le tesi difensive proposte dai legali dell'Avellino, Eduardo Chiacchio. Confermando il totale proscioglimento di Castaldo, Biancolino, Arini, Pisacane e della stessa societ√†.

Il legale partenopeo, però ha presentato ricorso per veder ridotta la pena del meno tre in classifica dell'Avellino. Inizialmente, la pena parlava di meno sette punti in classifica, mentre con la sentenza dello scorso 12 aprile, l'Avellino, ne ha avuti solo tre in meno.

Ricorso presentato anche dall'avvocato Dario Vannetiello che rappresenta Francesco Millesi (cinque anni di squalifica e cinquantamila euro di ammenda). Ricorso anche da parte di Armando Izzo (18 mesi di squalifica e cinquantamila euro di ammenda) rappresentato dall'avvocato Mattia Grassani dopo l'interruzione del rapporto con l'avvocato Antonio de Rensis, avvenuto in comune accordo con il Genoa.

Ultima modifica ilGiovedì, 20 Aprile 2017 16:50

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.