Background ADV
  • Giovedì 19 Luglio 2018 - Aggiornato alle 00:17

Avellino, il mercato non decolla: cessioni innanzitutto

L'ecuadoregno Cabezas unica voce in entrata, problemi anche per Mastalli della Juve Stabia. In uscita Suagher va al Cesena, si prova a cedere Paghera e Moretti mentre arrivano offerte per Laverone a cui la società non chiude la porta

Avellino, il mercato non decolla: cessioni innanzitutto

L' Us Avellino si ritrova in vista della ripresa del campionato fissata tra 12 giorni. Novellino non può contare ancora su alcun rinforzo per la sua rosa, anzi registra la cessione del difensore Emanuele Suagher. Il 25enne giunto in prestito dall'Atalanta passerà al Cesena, manca solo l'ufficialità del trasferimento. Non positiva l'esperienza in Irpinia, 10 presenze e ben due espulsioni nel girone d'andata per colui che doveva rappresentare il fiore all'occhiello del reparto insieme a Migliorini. A Cesena lo attende mister Castori che lo ha già avuto alle sue dipendenze a Carpi. La società del presidente Taccone si libera di un ingaggio pesante e mette nel mirino altre due cessioni altrettanto "pesanti" e di proprietà, prima di muoversi, si spera, seriamente sul mercato. In lista di sbarco i due centrocampisti Fabrizio Paghera e Federico Moretti che per diversi motivi non hanno trovato spazio questa stagione. Entrambi sono dati vicini al Brescia, anche se su Paghera si registra un interessamento del Pescara ed un ipotetico scambio con il giovane ghanese Selasi. Operazione gradita ai biancoverdi che scaricherebbero un ulteriore stipendio importante. In uscita si registra anche l'interessamento per Laverone di Frosinone e Parma a cui la società non ha chiuso la porta. Altro stipendio pesante e possibilità di fare cassa per il sodalizio biancoverde. In cambio il Frosinone avrebbe proposto il difensore napoletano trentenne Adriano Russo, 5 partite quest'anno, 23 in totale nelle ultime tre stagioni, andrebbe a prendere numericamente il posto di Suagher. Ma l'Avellino almeno nel reparto centrale sembra non aver bisogno di ulteriori innesti. E sempre parlando di cessioni si attende soltanto l'ufficialità per Idrissa Camarà sempre più vicino alla Casertana mentre resta in standby la situazione di Matteo Ardemagni. Del centravanti si parla poco, ma sono diverse le squadre che punterebbero su di lui per la prosecuzione della stagione. E davanti ad un'offerta allettante la società non chiude le porte a niente.

Le entrate sono condizionate dalle uscite. Almeno quelle importanti. Cabezas sarà in Irpinia giovedì. Sul giovane ecuadoregno in prestito dall'Atalanta punta la società per rimpiazzare l'infortunato Morosini. Quindi sarà la volta del figlio d'arte Marc Wilmots quasi certamente aggregato alla primavera. Per il resto il vuoto assoluto. Si complica anche la trattativa con Mastalli della Juve Stabia. Il presidente delle vespe non lo lascerà partire se non in via definitiva e dietro il pagamento del cartellino. Duecentomila euro circa la richiesta che il presidente biancoverde Taccone non intende onorare pur avendo sensazioni positive sulla riuscita della trattativa. Resta in standby la trattativa per Ndoj della Roma. Sfumato per l'attacco Simone Palombi della Lazio, vicino alla Salernitana, si è messa finalmente fine anche alla presa in giro Galabinov. Il bulgaro non ha mai avuto intenzione di scendere di categoria neanche per un attimo. L'unico calciatore di categoria sul quale la società intende puntare è Davide Gavazzi, dato per rinforzo già a gennaio 2017 e mai sceso in campo fino ad oggi. Il tutto mentre gli ultimi movimenti di mercato indicano come ufficiali i passaggi di Melchiorri dal Cagliari al Carpi, Greco dal Bari al Foggia, Martinho dal Bari all'Ascoli.

Ultima modifica ilLunedì, 08 Gennaio 2018 21:11

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.