Background ADV
  • Sabato 21 Luglio 2018 - Aggiornato alle 11:31

La Covisoc esclude l'Avellino dal campionato di serie B, Taccone: parte lesa

Irregolarità nell'iscrizione riscontrate dall'organo di controllo. Anche Cesena e Bari escluse, c'è tempo fino a lunedì per presentare ricorso. Sarà sottoscritta una nuova fideiussione

La Covisoc esclude l'Avellino dal campionato di serie B, Taccone: parte lesa

Avellino escluso dal campionato di serie B. La Covisoc dopo aver visionato la documentazione presentata dal sodalizio biancoverde ha deciso di estromettere dal prossimo campionato l'Us Avellino insieme a Cesena e Bari. La criticitĂ  riguarderebbe la fideiussione presentata da Walter Taccone per l'iscrizione.  La notizia è giunta durante la presentazione della nuova maglia a Piazza LibertĂ  trasformando una giornata di festa in un incubo per i supporters biancoverdi. Il presidente visibilmente adirato non ha voluto rilasciare dichiarazioni. In un momento contitato ha detto soltanto "non c'è niente". Dagli ambienti vicini al presidente però fanno sapere che la fideiussione per l'iscrizione pari ad una garanzia di 800mila euro sarebbe sprovvista del parametro Ivass, in quanto emessa da un istituto o broker, probabilmente estero, non riconosciuto dall'istituto per la vigilanza sulle assicurazioni. Taccone sarebbe giĂ  pronto a contrattare una nuova garanzia con un istituto di credito bancario italiano. Resta da chiedersi perchè non l'abbia fatto prima e perchè non abbia richiesto, come chiaramente scritto nel regolamento per l'iscrizione al campionato di serie B, il parametro vincolante a chi ha rilasciato il titolo di garanzia.

Nonostante le rassicurazioni post aumento di capitale, negli ambienti biancoverdi circolava la notizia di possibili problemi. Segnale evidente che qualcosa nella documentazione inviata per l'iscrizione poteva essere ritenuto non idoneo all'iscrizione. La penalizzazione era nell'aria, non certamente l'esclusione dal campionato alla pari di due societĂ  fortemente indebitate come Cesena e Bari. Tutte e tre le squadre avranno tempo fino a lunedì 16 alle 19 per presentare ricorso e documentazione necessaria ma il deferimento alla Procura Federale è pressochè certo come i due punti di penalizzazione per ogno irregolaritĂ  riscontrata contro la quale si potrĂ  comunque ricorrere. 

Entro il 20 luglio i tifosi biancoverdi dovrebbero conoscere l'esito del ricorso. La certezza è che anche la stagione 2018/2019 inizierà con le solite difficoltà e con al spada di Damocle di un'inchiesta giudiziaria allo stato embrionale.

Questa la nota della societĂ :

L'U.S. Avellino rende noto che nella tarda serata di ieri ha ricevuto comunicazione negativa da parte della Co.Vi.So.C. in merito ai requisiti richiesti per l'ottenimento della Licenza Nazionale necessaria per l'ammissione al prossimo campionato di serie B.

Il riscontro del "mancato rispetto dei criteri" scaturisce da un'anomalia relativa alla fideiussione presentata da questa societĂ  che, nei termini stabiliti, ha ottemperato a tutti gli adempimenti, come sempre avvenuto, sicura che la documentazione fosse stata prodotta in osservanza di quanto stabilito dalle normative federali.

Fra queste certamente la ricapitalizzazione effettuata con relativo adeguamento dei parametri P/A, due scogli importantissimi per l'ammissione al campionato: tali ottemperanze sono state regolarmente eseguite dalla societĂ  con notevoli sacrifici economici.

L'irregolarità riscontrata è da ritenersi non ascrivibile all'U.S. Avellino che ha agito in buona fede ed è parte lesa in questa vicenda per la quale si riserva, fin d'ora, di effettuare ogni azione legale a tutela dell'onorabilità del club e della sua immagine.

La compagnia assicurativa, interpellata dal presidente nella tarda serata di ieri, ha ribadito la correttezza dei parametri previsti (indice di solvibilitĂ  di gran lunga superiore a quello previsto che rappresenta in Europa il parametro alternativo al rating che viene invece comunemente utilizzato in Italia).

La stessa compagnia ha riferito al presidente che presenterĂ  la proprie rimostranze alla Co.Vi.So.C. e che si impegna a sollevare la societĂ  Avellino da qualsiasi danno derivante da provvedimenti federali.

Nei termini previsti dalla normativa federale (entro le 19 di lunedì 16 luglio) la società provvederà a regolarizzare la propria posizione presentando ricorso e, contestualmente, una nuova fideiussione a sostituzione di quella ritenuta non conforme ai requisiti richiesti dalla Co.Vi.So.C.

 

Ultima modifica ilVenerdì, 13 Luglio 2018 11:10

Video

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.