Background ADV
  • Mercoledì 14 Novembre 2018 - Aggiornato alle 23:39

Taccone lascia il Partenio alla Calcio Avellino: corsa contro il tempo per la partita con il Castiadas

Il presidente dell'Us Avellino resta in attesa dell’offerta della società di De Cesare per le attrezzature ma rescinderà la convenzione. Il manto erboso in comodato d’uso gratuito fino al termine della stagione. La Calcio Avellino poteva trasferirsi ad Ariano Irpino

Taccone lascia il Partenio alla Calcio Avellino: corsa contro il tempo per la partita con il Castiadas

L'Us Avellino si appresta ad abbandonare il Partenio – Lombardi. Walter Taccone ha comunicato la volontà di rescindere la convenzione in scadenza nel 2021 e lasciare via libera alla Calcio Avellino. Prima di lasciare però resta in attesa dalla neo nata società di una proposta per spogliatoi, attrezzature medico – sanitarie, sala e tribuna stampa. Discorso diverso per il manto in erba sintetica. E' certo che non sarà acquistato dalla società di De Cesare, ma Taccone lo ha concesso in uso gratuito fino al termine della stagione agonistica. Un gesto da apprezzare ma anche dettato dall'impossibilità di ripristinare il vecchio manto erboso del cui destino non si ha traccia.

Il cda convocato tempstivamente dal presidente della Calcio Avellino Claudio Mauriello non ha ancora deliberato la proposta da far pervenire a Taccone con il quale dovrà convenire anche sull'utilizzo dello stadio per la partita in programma sabato alle 14 contro il Castiadas. Il dirigente del settore patrimonio Luigi Cicalese e l'assessore allo sport Donatella Buglione attendono comunicazioni da entrambe le società, la richiesta di utilizzo dalla Calcio Avellino e la concessione dello stadio dell'Us Avellino, e portarle in giunta per deliberare l'utilizzo straordinario del campo che dovrebbe essere a costo zero per la neonata società. Di rescissione e nuova convenzione si parlerà la prossima settimana. I tempi per giungere al nuovo accordo si annunciano lunghi dovendo passare prima in commissione e poi in giunta. 

Taccone prima di rescindere avrebbe chiesto al Comune il riconoscimento di ulteriori lavori come, appunto, il manto erboso in erba sintetica pagato poco più di 150mila euro lo scorso anno. Non essendo stato autorizzato, come per altri lavori, la risposta dagli uffici comunali sarà negativa. Società e comune dovranno trovare un accordo per le famose poltroncine che l'Us Avellino è stata obbligata a sostituire per partecipare allo scorso campionato di serie B, e vorrebbe vedersele riconosciute in qualità di migliorie come già accaduto con i tornelli, ma sono state smontate inspiegabilmente. Quasi certamente finiranno nel conto della famosa querelle sui canoni non pagati dal 2009 ed i lavori effettuati nel 2013 e nel 2015 che sarà oggetto di ulteriori approfondimenti nonostante i termini di pagamento siano scaduti lo scorso 31 ottobre. Sulla vicenda è  lecito attendersi finalmente un intervento dell'assessore al Patrimonio Gianluca Forgione competente sia sulla stipula della nuova convenzione il cui importo mensile sarà quasi certamente la metà di quello attuale, sia per il pagamento dei canoni arretrati. 

Tornando a Taccone, il presidente dell'Us Avellino è ritornato sui suoi passi dopo aver indicato una squadra under 15 come utilizzatrice dell'impianto di via Zoccolari per mantenere in vita la convenzione. Atteggiamento che aveva inasprito il rapporto tra le due società tanto da far valutare seriamente alla Calcio Avellino di giocare altrove pur di non dover più soccombere nuovamente al pagamento dei 10mila euro al mese imposti dalla convenzione. Scartato il Fina di Montemiletto per la scarsa capienza, Mauriello avrebbe potuto portare a giocare la squadra al Renzulli di Ariano Irpino forte della capienza dell'impianto di poco più di 2000 posti utili ad ospitare gli abbonati e della disponibilità del sindaco della città del Tricolle Domenico Gambacorta al quale è legato anche per motivi politici. Soluzione che oltre a rendere il clima intorno a Taccone ancora più caldo, avrebbe costretto lo stesso presidente dell'Us Avellino al pagamento dei circa 10mila euro per far giocare l'under 15.

Aggiornamento: la comunicazione ufficiale con cui il presidente dell'Us Avellino Walter Taccone afferma di voler lasciare il Partenio Lombardi. 

Faccio seguito agli incontri di recente tenutisi per risolvere la questione relativa all’utilizzo dello Stadio Partenio-Lombardi e, a conferma di quanto già dichiarato in tali sedi, Vi significo, anche con la presente, la volontà di risolvere la convenzione stipulata il 20.6.2013 tra il Comune di Avellino e la U.S. Avellino 1912 s.r.l. e Vi invito a farmi conoscere le modalità, tempi e forme per la sua formalizzazione, nonché a predisporre tutti i necessari atti nel più breve tempo possibile.
Preme al sottoscritto precisare che la presente formale comunicazione si rende doverosa, nell’ottica della massima collaborazione e nel rispetto della tifoseria, per svincolare l’Ente dai limiti previsti dalla convenzione e consentire da subito l’utilizzo dello Stadio alla Calcio Avellino s.s.d. a condizioni diverse da quelle previste dalla convenzione.
A ciò non sarà di ostacolo la presenza nell’impianto sportivo di beni, impianti, materiali, arredi ed attrezzature di proprietà della U. S. Avellino 1912 s.r.l.. Essi, infatti, potranno essere utilizzati dalla Calcio Avellino s.s.d., del tutto gratuitamente e con modalità che verranno concordate direttamente con la stessa, sino a quando essa renderà note le proprie determinazioni sul destino di tali beni. Cosa che, come assicurato al sottoscritto direttamente dal Presidente Mauriello, avverrà entro la fine del corrente anno, in maniera che, ove non vi fosse l’interesse a trattenerli, si potrà, senza creare ostacoli alle attività sportive, procedere al loro asporto durante la sosta invernale dei campionati, eccezion fatta, naturalmente, per il manto in sintetico che, invece, sarà disponibile, sempre gratuitamente, per la società subentrante sino al termine della stagione sportiva, quando la Calcio Avellino SSD dovrà comunicare al sottoscritto le sue determinazioni anche in relazione a tale bene.

 



Ultima modifica ilMercoledì, 07 Novembre 2018 12:06

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.