Background ADV
  • Venerdì 22 Marzo 2019 - Aggiornato alle 06:57

Avellino Amarcord: 13 marzo 1988, i biancoverdi affossano la Vecchia Signora

Basta un gol di Bertoni per battere la Juventus al Partenio, ma la stagione finirà in malo modo

Avellino Amarcord: 13 marzo 1988, i biancoverdi affossano la Vecchia Signora

Una sfida tra due società da sempre amiche, ma che non si sono mai risparmiate sul terreno di gioco. Avellino e Juventus si sfidarono il 13 marzo 1988 allo stadio Partenio per la 22 giornata di Serie A. Una sfida con tanti ex: nelle fila dei bianconeri, infatti, militavano Stefano Tacconi, Angelo Alessio, Beniamino Vignola e il mister Rino Marchesi, tutti con un passato a tinte biancoverdi.

Una sfida importante per l'Avellino che era in piena lotta salvezza e con una vittoria che mancava da più di un mese (precisamente dal 31 gennaio con l'1-0 al Verona). Neanche la Juventus viveva una stagione particolarmente piacevole, anche a causa del ritiro inaspettato di Michel Platini a soli 32 anni. Rino Marchesi cercò di sopperire alla sua assenza con un centrocampo robusto affidando le sorti dell'attacco di Ian Rush, che fu però autore di una stagione deludente con sole 7 reti in Serie A. Prima della sfida del Partenio la Juventus era reduce si dalla vittoria di misura contro l'Inter, ma prima del successo contro i nerazzurri aveva collezionato 2 sconfitte (entrambe in trasferta, entrambe per 2-0 contro Pescara e Roma) e 1 pareggio (0-0 a Torino contro il Verona).

La gara inizia con un Avellino subito molto aggressivo e che infatti al 25' va in vantaggio: calcio di punizione battuto a due, siluro di Alessandro Bertoni che infila l'ex Tacconi per l'1-0 biancoverde. Nella ripresa la Juventus cresce, ma è l'Avellino a sfiorare il raddoppio: magistrale azione personale di Schachner che però sul più bello sbaglia la conclusione. Da lì finisce la partita dei biancoverdi e inizia un vero e proprio forcing della Juve, con Di Leo costretto a un paio di interventi di alto livello. 

La gara finisce 1-0 per l'Avellino, che però nonostante il buon periodo non riuscirà a salvarsi: infatti dopo la vittoria sulla Juventus non vincerà più nemmeno una partita fino a fine campionato. Arriverà penultima e rientrerà dunque nella coppia di squadre costrette a retrocedere (insieme all'Empoli). Un epilogo che nessuno si aspettava a inizio campionato.

Deludente anche la stagione della Vecchia Signora, che arriverà malinconicamente sesta dopo aver sconfitto il Torino nel derby per accedere alla Coppa Uefa (avendo entrambe le squadre concluso la stagione a 31 punti).

TABELLINO

STADIO: Partenio (27.000 spettatori)
MARCATORI:
Avellino: Bertoni 25'
Juventus: /

AMMONITI:
Avellino: Colomba 57'
Juventus: /

FORMAZIONI:
Avellino: Di Leo, Ferroni, Colantuono, Amodio (64′ Grasso), Storgato, Gazzaneo, Colomba (80′ Murelli), Boccafresca, Benedetti, Bertoni, Schachner
A disposizione: Coccia, Sormani, Anastopoulos
Allenatore: Eugenio Bersellini.

Juventus: Tacconi, Brio, Tricella, Cabrini, Napoli, Alessio (46′ Buso), Bonini, De Agostini, Laudrup (71′ Vignola), Rush, Mauro
A disposizione: Bodini, Scirea, Siroti
Allenatore: Rino Marchesi.
Arbitro: Carlo Sguizzato di Verona

Ultima modifica ilMercoledì, 13 Marzo 2019 16:35

Video

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.