Background ADV
  • Venerdì 26 Aprile 2019 - Aggiornato alle 05:41

Quattro chiacchiere con… Carmine Losco: “Paghiamo le scelte iniziali, ora la rincorsa è difficile”

Errori passati, possibile rimonta e futuro della Calcio Avellino: parla Carmine Losco

  • di Federico Spinelli
  • 0 commenti
Quattro chiacchiere con… Carmine Losco: “Paghiamo le scelte iniziali, ora la rincorsa è difficile”

L'Avellino soffre ma vince contro il Budoni e continua a sperare nella corsa al primo posto. Dal canto suo, però, il Lanusei non si ferma e mantiene invariato il distacco dai biancoverdi, con sole tre giornate rimaste.
 Errori, possibile rimonta e futuro: di tutto questo abbiamo parlato con il noto giornalista irpino, Carmine Losco.

L'Avellino vince ma soffre contro il Budoni, hanno pesato di piĂą le assenze o la continua rincorsa si sta facendo sentire mentalmente?

"Credo entrambe, però è una squadra che ha mostrato carattere, ed è importante in questo finale di stagione sapere che c'è, almeno sul piano dell'impegno ma anche atletico, una squadra che combatte fino alla fine. I biancoverdi vengono da 7 vittorie di fila, non può essere di certo un caso: qualcosa è cambiato nel gruppo, sia nella testa che fisicamente".
 
Il Lanusei continua a vincere e mantiene la distanza di 5 punti a tre partite dalla fine del campionato: c'è ancora margine di recupero per i biancoverdi?

"L'aritmetica dice di sì, in questo momento però non è giusto illudere i tifosi: l'obiettivo principale è tenere il secondo posto che è già un buon risultato considerando come si erano messe le cose. Tutti pensavano al primo posto, si può ancora sognare anche se il Lanusei non molla".
 
Quali gli errori che hanno portato l'Avellino a una distanza considerevole dal primo posto?

"Gli errori sono stati commessi all'inizio. Immaginare di costruire qualcosa di importante partendo da presupposti sbagliati ha penalizzato l'Avellino: non puoi ripartire, con tutto il rispetto, con Graziani e con un direttore sportivo giovane. Bisognava già costruire una struttura con prospettiva Lega Pro, qualcosa di già pronto per il prossimo anno. Bisognava mettere persone pronte e capaci di poter operare, seppur in ritardo. L'Avellino non aveva una squadra da vertice, l'ha fatta poi col tempo, ha potuto rimediare. Paghiamo lo scotto di gioventù di un direttore sportivo alle prime armi, perciò parlavo della necessità di persone pronte. Bisogna arrivare prima degli altri sui giocatori, e per farlo servono dirigenti esperti".
 
Quali credi saranno i punti fermi, dalla dirigenza allo staff tecnico alla squadra.
 da cui ripartire l'anno prossimo, possibilmente in Serie C?
"
Partendo dalla dirigenza, come detto prima, bisogna avere dirigenti di spessore ma soprattutto di esperienza, per competere con i grandi club sui giocatori. Per quanto riguarda l'allenatore, si gioca tutto sul campo: se arriva primo si candida a una riconferma, anche se credo sia difficile. Non tutti sono contenti di quello che ha fatto Bucaro, ma se dovesse fare il miracolo sul campo meriterebbe una chance di rimanere. Per ciò che invece concerne la rosa, punterei sui giovani, degli over non terrei praticamente nessuno. Si riparta dagli under, su tutti Tribuzzi, pezzo pregiato della rosa. Magari si potrebbe tenere De Vena, o comunque giocatori che in prospettiva possono essere utili: serve squadra competitiva che deve lottare con i grandi club".

Si ringrazia Carmine Losco per la disponibilitĂ 

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultima modifica ilLunedì, 15 Aprile 2019 20:18

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.