Background ADV
  • Lunedì 25 Settembre 2017 - Aggiornato alle 04:42

Solofra, lavori bloccati al cimitero di Sant'Agata. Pirolo (M5S): "Ennesima incompiuta di Vignola"

La soprintendenza sollecitata dai Carabinieri blocca i lavori. Per il Comune non ci sono dati certi, ma la targa posta dinanzi al cimitero smentisce l'amministrazione

Solofra, lavori bloccati al cimitero di Sant'Agata. Pirolo (M5S): "Ennesima incompiuta di Vignola"

 "Lo stop dei lavori di ampliamento del cimitero della frazione S. Agata Irpina a Solofra (leggi qui) allunga il già corposo elenco di opere pubbliche rimaste sospese a Solofra sotto la Giunta Vignola a causa di 'intoppi' di natura procedurale (si veda anche l' infopoint in località Scorza e i lavori di ammodernamento della scuola di via Casapapa)" A comunicarlo è il candidato del M5S alle amministrative solofrane Michele Pirolo. "La soprintendenza ABAP per le province di Salerno e Avellino, non più tardi di un mese fa, ha infatti emesso l' ordinanza di sospensione 'ad horas' dei lavori di ampliamento del cimitero in questione in virtù dell' interesse culturale (ex art. 10 e 12 del DL 42/2004) del sito. Contro tale contestazione il Comune avrebbe dichiarato l' insistenza di prove certe attestanti la vetustà del sito, ordinando una perizia di parte (a un professionista esterno). Eppure, sia la lapide commemorativa posta sulla facciata della cappella all' interno del cimitero, sia una segnalazione del Comando Carabinieri di Solofra (dello scorso 14 marzo) attestano che l' origine del sito risale alla metà del XIX secolo. Ancora una volta - continua Pirolo - su tutta la vicenda sembrerebbe regnare sovrana la mancanza di coordinamento, nella tutela dell' interesse pubblico. E' necessario che noi cittadini prendiamo coscienza e consapevolezza dei nostri diritti e dei nostri doveri all' interno della comunità in cui viviamo. Ai cittadini spetta il ruolo importante di difesa del territorio e della sua bellezza. Tutti, associazioni, cittadini comuni, amministratori, politici e rappresentanti istituzionali sono chiamati alle loro responsabilità".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.