È un’altra gara da dimenticare per la Scandone, mai davvero in gara al PalaErrico. La Virtus ha tenuto botta nei primi minuti quando la Scandone ci stava provando con Marra e ha ucciso la gara al primo tentativo di fuga.

 

La partita

 

Marra appare subito in giornata e firma 9 punti in metà quarto. Il match è godibile nei primi minuti salvo scendere d’intensità alla metà del quarto. Ad uscirne peggio è la Scandone che trova la via del canestro solo con Marra e Sousa e che vede la Virtus passare in vantaggio con Cecchetti. Balic e Forte scoccano due triple e provano a fare scappare i loro, segue Mavric col canestro del 21-13. In chiusura di quarto è Riccio ad accorciare le distanze con la tripla del 21-16.

 

All’inizio del secondo quarto è ancora Mavric ad ergersi a protagonista nel parziale di 7-2 che vale il +10 dei padroni di casa. Avellino non riesce a reagire e Pozzuoli tenta la fuga con Mavric che segna il 40-22 al 5′. Marra sembra essere l’unico a riuscire a trovare la via del canestro e ne piazza 4 di fila prima della bomba di di Riccio che, come nella frazione precedente, accorcia le distanze e manda le squadre negli spogliatoi sul 47-32.

 

La Scandone continua a cercare soluzioni affrettate e Pozzuoli ne approfitta per salire a +20 con Balic e Cecchetti. Pozzuoli sale a +22 e Robustelli ferma il match, ma il minuto di sospensione non ha efficacia, con Pozzuoli che continua ad essere padrona del campo. Sul finire del terzo quarto Ani (5 punti) e Riccio hanno un sussulto e il quarto si conclude 62-46.

 

L’ultimo quarto non ha veramente niente da dire e Pozzuoli sale spedita verso il 2-0 cogliendo la vittoria per 74-58.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui