“Progetto democratico” continua il suo impegno politico-amministrativo, in particolare sul fronte della trasparenza e del coinvolgimento dei cittadini.

Durante l’ultimo consiglio comunale, sono stati chiariti, su sollecitazione del “Progetto democratico”, i motivi dell’aumento della TARI. La maggiore tassazione è stata una conseguenza della gestione di emergenza degli ultimi anni, che ha richiesto un contributo maggiore ai cittadini, in ogni caso l’anno prossimo si dovrebbe tornare alle vecchie e più basse tariffe.

Il consiglio ha preso atto che anche la qualità della raccolta differenziata è diminuita nel tempo, attestandosi al 55%, molto al di sotto all’obiettivo di legge del 65%.

Inoltre, in seguito a sollecitazioni della minoranza, relative ai crediti di bilancio, ossia alle somme da riscuotere dai diversi debitori e non ancora incassati ormai da anni orsono, l’amministrazione si attiverà per la riscossione degli stessi nei confronti dei gestori delle strutture sportive, del civico cimitero e del concessionario del fotovoltaico installato sulle strutture pubbliche. In tal modo si cercherà di ampliare le casse comunali.

Infine, il progetto democratico ha posto le seguenti interrogazioni:- Situazione laghetto in seguito al rinvio al giudizio degli indagati per inquinamento ambientale;- Modalità di assunzione per i posti vacanti di ingegnere, comandante vigili urbani, istruttore di vigilanza. Queste posizioni non saranno coperte dall’imminente concorso della regione Campania, che per il comune di San Michele prevede due posti in ambito amministrativo. – Percorribilità tratto sottostante il ponte di via S. Candide Ortali e situazione del ponte.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui