Luigi Cipriano con la sua inseparabile Olympus

Abbiamo deciso di chiamare questo spazio quotidiano di arte e creatività “Idee Resistenti” per due motivi, il primo è che questi sono giorni in cui tutti ci confrontiamo con una situazione che ci impone di resistere stando in casa e adottando tutte le precauzioni richieste. La seconda è che la forza delle idee che gli artisti irpini e i lettori ci stanno inviando può resistere al tempo; ciò che la quarantena ci sta insegnando, infatti, è che coltivare la bellezza aiuta a proiettare la mente oltre questo difficile presente per immaginare il futuro. Continuate perciò a inviarci racconti, fotografie, dipinti, canzoni scrivendo a: eventi@ilciriaco.it.

Luigi Cipriano

E’ un apprezzato fotografo a inviarci una immagine con una riflessione sul mondo ai tempi del Covid-19, lui è Luigi Cipriano e le parole che accompagnano la sua foto sono di Domenico Cipriano, suo fratello e noto poeta con tante pubblicazioni al suo attivo. Luigi Cipriano classe 1968, nativo di Guardia dei Lombardi ma da anni ad Avellino dove lavora presso l’ISA CNR. Laureato in Economia e Commercio, Cipriano è appassionato di fotografia sin dall’adolescenza. Nonostante sia un autodidatta, si costruisce la sua camera oscura e segue seminari e workshop con docenti come: Massimo di Nonno, Andrea Boccalini, Antonio Politano, Max e Douglas, Max Angeloni, Cosmo Laera, Sandro Iovine, Federica Cerami, Fulvio Bortolazzo. Dal 2012 espone in mostre collettive e personali, tra le ultime ricordiamo: “I colori della poesia” a Pomigliano d’Arco; “W l’Italia? dei delitti perpetrati alla cultura” a Venezia ed “Erranza” a Castellabate (Sa). Ha completato proprio durante la quarantena il suo ultimo libro fotografico dal titolo “Vertical City Extended” di cui potete avere un assaggio nel video in fondo all’articolo.

In questi giorni, stando a casa, ho avuto tutto il tempo per completare un mio ultimo lavoro fotografico, Vertical City Extended. Al link sottostante potete collegarvi per sfogliare, se pur telematicamente, il libro.

“In questi giorni il mondo ci sta mostrando un volto diverso – ci scrive Luigi Cipriano – alcuni pensieri che solo qualche mese fa sembravano essere emergenza sociale, appaiono contraddire quanto pensavamo. I mezzi di telecomunicazione ci stanno aiutando a passare le giornate tra le nostre mura, si lavora in smart-working, si insegna e si impara a distanza, si esce solo per sopperire ai bisogni primari. Tutto questo mi ha portato alla mente l’immagine che avevo esposto nell’ultima mostra fotografica collettiva a Santamaria di Castellabate con gli amici “Erranti”. La ripropongo, accompagnata dai versi scritti per la foto da mio fratello Domenico Cipriano in occasione della mostra”.

La Voce delle Ombre

pastedGraphic.png

Siamo un infinito vortice di eventi 

e avanziamo tra le persone, i loro sogni, 

le angosce esistenziali, le vicende. 

Passano insospettate le notizie, 

erriamo tra microcosmi che si somigliano 

e guerre folli a distanze paradossali, 

mentre restiamo distanti tra incertezze 

e paura degli errori. Ma il mondo 

è sempre più vicino negli schermi, 

così siamo presenti in ogni trama, 

anche se non decidiamo.

(Domenico Cipriano)

 

Biografia

Luigi Cipriano nasce a Guardia Lombardi nel 1968, laureato in Economia e Commercio presso l’università Federico II di Napoli, vive e lavora ad Avellino.

Si appassiona alla fotografia già all’età di 16 anni, quando gli viene regalata la prima reflex (una Olympus OM10) e, successivamente, inizia a viaggiare.

La fotografia diventa il suo hobby preferito, e installa in casa una piccola camera oscura dedicandosi alla stampa in bianco e nero; anche se ha intrapreso lo studio della fotografia da autodidatta, ha approfondito le sue conoscenze seguendo diversi seminari e workshop con fotografi e docenti di Fotografia: Massimo di Nonno, Andrea Boccalini, Antonio Politano, Max e Douglas, Max Angeloni, Cosmo Laera, Sandro Iovine, Federica Cerami, Fulvio Bortolazzo.

E’ Socio F.I.A.F.

Dal 2012 ha iniziato ad esporre in mostre collettive e personali.

tra le ultime si ricordano: 

[I COLORI DELLA POESIA 2016 – (12 scatti dal titolo “Windows Color”) ],  Rassegna Artistica Nazionale – “La visione del mondo attraverso colori e parole” – Palazzo storico dell’Orologio – Pomigliano d’Arco  – dal 13/01/2016 al 20/01/2016

[W l’Italia…? dei delitti perpetrati alla cultura] INTERNATIONAL MAIL ART PROJECT 2016 a cura di Paola Caramel Mostra MailArt Sede espositiva: Spazio B&V Kayak – Calle Turlona, Cannareggio 2866 – VENEZIA dal 20 gennaio – 28 febbraio 2017

[ERRANZA/ERRANTI], Mostra Fotografica Collettiva – “Mostra Fotografica Collettiva – SCATOLA CELESTE – SPAZIO HORTUS Castellabate, Strada Provinciale, 15 (Salerno) dal 22/11/2019 al 20/12/2019

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui