“La legalità non si predica, si pratica. Lo ripeto anche stavolta di fronte all’ennesimo vespaio di polemiche, che trova pochi appigli nel diritto e prende, invece, vigore negli ambienti della spettacolizzazione”. Arriva puntuale la replica del sindaco di Mercogliano, Vittorio D’Alessio, rispetto alle polemiche che lo stanno coinvolgendo, insieme al primo cittadino di Avellino, Gianluca Festa.

“Costituirsi parte civile in un processo vuol dire chiedere il risarcimento di un danno subìto e, dunque, da parte lesa, quantificarlo – sottolinea D’Alessio. Rispetto alle azioni criminose del clan Partenio, il comune di Mercogliano dovrebbe, secondo gli esperti polemizzatori, quantizzare i danni subiti e non farlo sarebbe un grave segnale nei confronti dei cittadini? E come si quantizza un danno, che, ricordiamo, grava da decenni su tutta la provincia di Avellino e le zone limitrofe? C’è qualcuno, tra coloro che scrivono lettere ai giornali e che invocano la giustizia sui social, capace di spiegarmi perchè costituirsi parte civile sarebbe la prova che Mercogliano è la città della legalità?”

“Costituirsi parte civile sarebbe solo un’azione simbolica. Fa notizia, insomma – sottolinea D’Alessio. Non è pensabile, però, che qualcuno misuri la legalità della città di Mercogliano sulla scelta che sarà presa in merito alla posizione da assumere in questo processo. La partita contro la malavita si gioca, insieme, ma su altri campi, non sventolando la costituzione di parte civile! Bisogna andare oltre certi livori politici e oltre le polemiche da bar e rimboccarsi, invece, le maniche per contribuire a migliorare questa società. Chi ha montato la polemica, purtroppo, vive di palcoscenici. Io non sono fatto così, scanso le azioni vuote di contenuto, soprattutto quelle messe in piedi da chi, come il tempo ha dimostrato, ha prodotto tante chiacchiere e pochi fatti! Ogni giorno siamo impegnati a costruire una crescita economica e sociale concreta del nostro territorio, perchè è in quelle falle che si annida la camorra. E’ dalla parte della concretezza delle azioni che abbiamo scelto di schierarci, anche questa volta”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui