Sono stati giorni intensi per Avellino e Padova. Dopo essersi affrontate sul terreno di gioco, infatti, i due club si sono dati “battaglia” anche al di fuori. Tutto è nato dalla partita dell’Euganeo, quando da parte dei supporter di casa sarebbero partiti cori poco piacevoli nei confronti dei tifosi irpini a causa della loro provenienza meridionale, oltre ad un trattamento non proprio delicatissimo nei confronti dei calciatori biancoverdi squalificati e presenti in tribuna.

Le polemiche sono proseguite già nel post gara, con le parole del tecnico del Padova, Andrea Mandorlini, che se l’era presa per l’arbitraggio e per il rigore concesso ai biancoverdi. Il tutto alimentato dalla sua conferenza pre gara di ritorno avuta nelle scorse ore, dove ha parlato di provocazioni, gomitate in faccia da parte dei biancoverdi. Una testata padovana ha pubblicato l’articolo con le parole di Mandorlini sul proprio profilo Facebook, e nei commenti del post è arrivata la risposta piccata da parte del direttore sportivo biancoverde Salvatore Di Somma, che ha scritto: “Quando parli dell’Avellino e di Avellino lavati la bocca, scemo“.

Di qui il comunicato di risposta del Padova: “Il Calcio Padova esprime sdegno e preoccupazione per le parole del Direttore Sportivo dell’US Avellino Salvatore Di Somma che, stando a quanto riportato da alcuni organi di informazione, sui social network si sarebbe rivolto con toni offensivi nei confronti del tecnico biancoscudato Andrea Mandorlini. La Società biancoscudata in questi giorni si è spesa affinché la semifinale playoff si svolgesse in un clima il più possibile disteso e di collaborazione. Le parole del sig. Di Somma, al contrario, potrebbero esacerbare gli animi e preparare il terreno per un incontro di calcio che con il fair play rischia di avere poco a che fare“.

L’Us Avellino ha dapprima annunciato una conferenza stampa di Di Somma, fissata per le 17.30. Poi però ha fatto dietro front, preferendo “rispondere con una nota piuttosto che alimentare ulteriori polemiche“.

Nota che è arrivata poco dopo le 18.00: “Con riferimento al comunicato ufficiale della società Calcio Padova, la quale ha manifestato sdegno per un commento su facebook del direttore Salvatore Di Somma ritenuto offensivo nei confronti del tecnico dei patavini Andrea Mandorlini, l’Us Avellino 1912 precisa quanto segue.

Il direttore ha commentato, utilizzando un termine forte, sotto un articolo che riportava le dichiarazioni di Mandorlini in conferenza stampa. Tale commento è scaturito da alcune affermazioni di quest’ultimo con le quali, secondo il direttore, etichettava l’ambiente Avellinese e, nello specifico, tale virgolettato riportato dal sito padovagoal. “Sono andato con l’Ascoli e con l’Inter ad Avellino, ne ho passate di tutte i colori su quel campo. Avellino fa di questo atteggiamento una forza. C’è chi deve tutelare entrambe le squadre”. 

L’Us Avellino ci tiene a stemperare le tensioni di questa vigilia invitando però tutti, sia dall’una che dall’altra parte, a distendere il clima. 

Gli episodi offensivi vanno sempre condannati, ecco perchè ci si meraviglia della tempestività del club biancoscudato nel redigere un comunicato per difendere il proprio allenatore al fronte di un totale silenzio rispetto a cori di discriminazione territoriale, aggressioni ed offese nei confronti dei dirigenti, dei calciatori e dei tifosi biancoverdi presenti all’Euganeo. Episodi, tra l’altro, rimasti impuniti.

Certi di avere un atteggiamento corretto e sportivo prima, durante e dopo la partita, come è sempre avvenuto ad Avellino, confidiamo che domani a parlare sia soltanto il campo e che si viva una meravigliosa giornata all’insegna del sano agonismo e nel rispetto dei valori dello sport“.

Si preannuncia una semifinale di ritorno ad alta tensione, sia per la posta in palio che per le schermaglie extra campo. La speranza è che tutto si svolga nei termini della lealtà sportiva.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui