Esce “Obsequio a los Maestros”, disco d’esordio del chitarrista Giovanni Masi

Dopo aver gareggiato con successo in Premi internazionali, il poco più che maggiorenne Giovanni Masi, incorona il 2021 con l’uscita, l’11 agosto su tutti gli store digitali, per l’etichetta Dot Guitar del suo primo cd dal titolo “Obsequio a los Maestros” in cui finalmente da prova del proprio talento e omaggia due dei suoi compositori favoriti: Mario Castelnuovo Tedesco e Angelo Gilardino.

Giovanni Masi

Il titolo del disco, infatti, richiama l’omonimo brano di Castelnuovo Tedesco per racchiudere in un abbraccio ideale i due maestri che ispirano di più il chitarrista solofrano, allievo del M° Lucio Matarazzo e del Conservatorio di Avellino.

Non si può non fare un parallelo con le recenti vicende olimpiche, il lavoro duro e continuo di un musicista, infatti, non è dissimile a quello di un atleta e un giovane che sceglie di dedicare tanto tempo ed energia per inseguire la tecnica e la ricerca della perfezione artistica merita la medaglia d’oro che la Musica e il pubblico prima o poi gli tributeranno.

Questo di Giovanni Masi è un debutto “pensato” per evitare la strada facile del pezzo noto o del virtuosismo fine a se stesso, ma creato per esprimere i valori forti dei compositori, dei Maestros, che vuole omaggiare.

Ciò già a partire dall’ordine dei brani che lo rendono quasi un “concept album”. Si parte infatti con “Volo D’Angeli”, brano che Mario Castelnuovo-Tedesco dedica ad Angelo Gilardino e si conclude con lo “Studio n°1 – Capriccio Sopra la Lontananza” il brano che invece Gilardino ha dedicato a Castelnuovo-Tedesco.

Seguono “Studi Facili” di Gilardino, un’opera che ha senz’altro segnato gli albori del percorso di Masi all’interno dello studio della chitarra;  le “Variazioni Attraverso i Secoli op.77” che, oltre ad essere il primo brano scritto da Mario Castelnuovo-Tedesco per chitarra, rappresentano metaforicamente un percorso temporale all’interno del cd che ci porta sino al 2020, anno in cui il M°Gilardino dedicherà a Masi una sua composizione dal titolo “Oremus”. Ci sono poi altri capisaldi della letteratura chitarristica: i “60 Studi di Virtuosità e Trascendenza” e i “24 Capricci di Goja op.165” rispettivamente di Angelo Gilardino e di Mario Castelnuovo-Tedesco.

Questo lavoro fa parte della collana “The LM Project” di Lucio Matarazzo cui Masi dedica un profondo ringraziamento in quanto insegnante – Masi ora frequenta sotto la sua guida il biennio specialistico al “Cimarosa” – ma anche mentore capace di far emergere il talento guidandolo attraverso la disciplina e lo studio costante

L’album sarà reperibile in tutti i principali store digitali: Spotify, YouTube Music, Amazon Music, iTunes Music ed altri. A breve uscirà anche il CD fisico vero e proprio con all’interno le note di copertina curate da un compositore che non ha bisogno di presentazioni, il M° Gianvincenzo Cresta, autore di numerosissimi saggi, articoli e composizioni che hanno avuto prime esecuzioni sui palchi più importanti al mondo.

Il primo concerto di presentazione del disco sarà a Solofra, ma seguiranno vari appuntamenti in Italia per diffondere la magia di questo “Obsequio a los Maestros”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui