Educare i giovani ad un corretto smaltimento dei rifiuti, a cominciare dalla raccolta differenziata. L’iniziativa dell’Osservatorio regionale sulla gestione dei rifiuti, presieduto da Enzo De Luca, ha fatto tappa stamane ad Avellino, all’istituto “Imbriani”. «E’la seconda di tre tappe – ha detto De Luca – cominciato lo scorso 5 aprile con Napoli e Caserta e che oggi interessa Avellino e Benevento». De Luca ha spiegato le ragioni dell’incontro partendo dalla legge regionale 14 che ha riordinato il settore e rimesso le competenze in capo ai sindaci. «Si tratta di un problema da affrontare in primo luogo dal punto di vista culturale e chi meglio della scuola può educare al problema. Lo facciamo in raccordo con il Ministero dell’Ambiente ed il Governo regionale, prevedendo anche delle borse di studio riservate a studenti di ogni ordine e grado. Bisogna partire dal fatto che il riciclo del rifiuto è una ricchezza. ImbrianiLo sanno ovunque, ma nel Mezzogiorno soltanto la criminalità sembra averlo compreso». Il presidente dell’Osservatorio regionale ha detto di aver avuto la piena disponibilità, dopo un incontro con il Prefetto di Napoli, di tutte le Prefetture della Campania, in raccordo con le forze dell’Ordine, per sottoscrivere un protocollo d’intesa. «Abbiamo definito un sistema unico che raccoglie i dati di tutti i comuni, vidimato dalla Unione Europea, che ci consente di tenere sotto controllo tutta l’attività degli enti locali sulla materia della gestione dei rifiuti». Per quanto riguarda la situazione in città, De Luca ha auspicato un maggior lavoro dell’amministrazione per aumentare la percentuale di differenziata, anche perché l’obiettivo è quello di arrivare, entro il 2020, al 65 per cento di differenziata, così da eliminare il presupposto dalla procedura di infrazione avviate dalla Ue e far capire che i rifiuti producono occupazione. A questo proposito nei prossimi giorni avrò un incontro con la Confindustria regionale».Imbriani 1

Sulla vicenda dell’impiantistica De Luca ha ribadito che «o si comprende che la gestione dei rifiuti è un’opportunità, capisco le polemiche di chi sta all’opposizione, ma temi come rifiuti, sanità e gestione del servizio idrico non possono essere materia di scontro politico. Credo che chi si è fatto carico di recepire le indicazioni del Piano regionale, debba essere comunque tenuto nel giusto conto».

Imbriani 2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui