Don Vittorio Agriturismo

E’ fissato per il prossimo 20 giugno l’appuntamento per l’inaugurazione di Don Vittorio, un nuovo agriturismo gourmet situato a pochissimi chilometri da Avellino, in Contrada Cretazzo nella zona di Bellizzi.

Nato da un’idea di Vittorio Matarazzo, l’agriturismo apre i battenti il 20 giugno e, per tutta la settimana inaugurale, proporrà uno speciale menù degustazione ad un prezzo speciale.

L’agriturismo è a gestione familiare e nasce dalla passione di Matarazzo che, dopo una laurea in Ingegneria a Napoli, ha poi deciso di intraprendere un percorso professionale diverso, quello appunto della ristorazione. Da bravo ingegnere, Vittorio Matarazzo ha posto solide fondamenta alla nuova professione studiano, facendo stage, corsi professionali e tante collaborazioni. Tutto ciò è stato riversato nella nuova attività che prende vita nella casa di famiglia.

Vittorio Matarazzo

L’intento è quello di creare un luogo ospitale e piacevole dove l’avventore possa sentirsi come a casa, godere della cucina e della campagna con la comodità di stare vicino alla città.

Vittorio Matarazzo, ci racconti un po’ la storia di Don Vittorio?

“Nel 2016 nasce l’azienda agricola Il Casale delle Bellezze, quando ho iniziato a gestire il terreno che circondava la casa dei miei nonni, introducendo la coltivazione di ortaggi biologici e l’allevamento di galline all’aperto. Data la mia professione e l’amore per il territorio in cui sono cresciuto, ho deciso di intraprendere un viaggio lungo 3 anni e mezzo, tra burocrazia e permessi vari, per arrivare oggi a realizzare un agriturismo.

Il legame con il territorio e con le tradizioni di famiglia sono il centro di questo tuo progetto?

“L’idea della realizzazione di un agriturismo nasce dalla mia esperienza lavorativa nel mondo della ristorazione, in unione alla tradizione familiare tramandatami proprio dai miei nonni. Da qui l’importanza per me di realizzare questo progetto proprio in quella che per anni è stata la casa dove sono cresciuto, sia fisicamente che dal punto di vista della cucina, grazie ai consigli di mia nonna da un lato e di mio nonno dall’altro. Mia nonna era capace di farmi mangiare pasta e fagioli anche quando fuori c’erano 40 gradi, e magari io, un ragazzino di 10 anni, avrei preferito qualcosa di più goloso o fresco. Ma credetemi, chiunque si sarebbe leccato i baffi. Mio nonno invece era un ex professore dell’Istituto Agrario di Avellino, che si dilettava con le viti di uva da vino e con la coltivazione di prodotti che poi regalava alle famiglie dei suoi figli per dare da mangiare cose genuine ai suoi nipoti. E, anche se preferivo giocare, spesso mi coinvolgeva nella pratica agricola per insegnare delle piccole cose che oggi mi sono servite per capire che nella Natura tutto ha un suo flusso, un suo tempo, e che basta rispettarlo per ottenere poi delle vere e proprie pepite d’oro da essa. Per non parlare del vino. Acquistavamo l’uva da produttori locali per integrare il suo raccolto e lui la trasformava in un vero e proprio Nettare degli Dei che tutti apprezzavano e dicevano “Don Vittò ma come fate?”.  Da questa frase, che spesso sentivo dire, è nata l’idea di dedicare questa mia scelta di vita a lui “Don Vittorio”, da questo il nome dell’agriturismo”.

Come sarà la cucina?

“L’agriturismo si propone di realizzare una cucina del territorio, puntando alla valorizzazione di prodotti di qualità in collaborazione con altre aziende locali. L’idea è di far sentire il cliente come a casa dei nonni, gustando piatti della tradizione in grado di soddisfare tutti i sensi. La missione è quindi quella di realizzare un ambiente ospitale e familiare, in cui la lavorazione dei piatti si distingua dalla tradizionale idea della cucina agrituristica. La ricerca di prodotti di nicchia e di qualità principalmente del territorio irpino sarà la base per la costruzione di menù stagionali che diano una scelta sempre varia al cliente. L’agriturismo si pone quindi come oasi di tranquillità in cui rifugiarsi per staccare dalla vita quotidiana e dal caos cittadino”.

Don Vittorio sarà aperto ogni giorni a cena e la domenica a pranzo solo su prenotazione (al 388 856 7760 o info scrivendo a donvittorioagriturismo@gmail.com) e offre i suoi tavoli all’aperto e al chiuso, il parcheggio gratuito e menù speciali per bambini o per intolleranti (su richiesta).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui