Qualcuno sui social ha già iniziato a postare un contatore che ricorda quanti giorni mancano a Natale, chi di sicuro già ci sta pensando è Carmen Vecchione, la pluripremiata pasticciera avellinese creatrice di “Dolciarte”,  scenderà in campo con il suo panettone artigianale per battersi per il titolo al «Panettone World Championship» 2019.

Carmen Vecchione, Dolciarte

Lo scorso 22 luglio infatti, durante la Notte dei Maestri del Lievito Madre a Parma, il comitato organizzativo del Panettone World Championship ha decretato i sei finalisti che accederanno insieme ai Maestri del Lievito Madre alla finale che si terrà il 20 ottobre alla 41° edizione di Host Salone Internazionale dell’Ospitalità Professionale alla Fiera di Milano, Rho.
Tra loro, l’avellinese Carmen Vecchione, volto noto già da anni a livello nazionale per le sue specialità come il PanRamata, che contiene la Cipolla Ramata di Montoro, vero colpo di genio per esaltare e rinnovare una ricetta tradizionale come il panettone inserendo un ingrediente del territorio. 

Ecco i nomi dei 31 partecipanti alla finale: Francesco Elmi, Bologna; Stefano Lorenzoni, Monte San Savino (Ar); Roberto Cosmo, Giussano (Mb); Giorgia Grillo, Roma; Alessandro Slama, Ischia (Na); Massimo Vitali, Cesenatico (Fc); Marco Avidano, Chieri (To); Mario Bacilieri, Marchirolo (Va); Maurizio Bonanomi, Pioltello (Mi); Renato Bosco, San Martino Buon Albergo (Vr); Roberto Cantolacqua Ripani, Tolentino (Mc); Emanuele Comi, Missaglia (Lc); Salvatore De Riso, Tramonti (Sa); Dennis Dianin, Selvazzano (Pd); Francesco Favorito, Terni; Salvatore Gabbiano, Pompei (Na); Fabrizio Galla, San Sebastiano del Po (To); Emanuele Lenti, Grottaglie (Ta);
Daniele Lorenzetti, San Giovanni Lupatoto (Vr), Grazia Mazzali, Governolo (Mn); Luca Montersino, Treiso (Cn); Alfonso Pepe, Sant’Egidio del Monte Albino (Sa); Paolo Sacchetti, Prato (Po);  Vicenzo Santoro, Milano; Anna  Sartori, Erba (Co); Attilio Servi, Pomezia (Rm); Valter Tagliazzucchi, Pavullo nel Frignano  (Mo); Vincenzo Tiri, Acerenza (Pz); Carmen Vecchione, Avellino; Hiroki Sato, Tokyo e Yahei Suzuki, Tokyo. 

Saranno due le giurie incaricate dell’assaggio e del giudizio dei panettoni realizzati dai finalisti: la giuria tecnica composta dai più noti pasticcieri italiani e stranieri e la giuria critica di giornalisti e gourmet. 

Il Panettone World Championship avrà, il 30 novembre e il 1° dicembre, una ulteriore importante vetrina nel corso della manifestazione I Maestri del Panettone organizzata da Italian Gourmet a Milano, presso il Museo della Scienza e Tecnologia «Leonardo da Vinci». 

L’obiettivo della gara è far conoscere l’eccellenza a livello internazionale del panettore artigianale tradizionale, mettendo a confronto le differenti culture di chi produce, partendo dal lievito madre, caratteristico di ogni singolo territorio. 

A questo punto non resta che seguire con il fiato sospeso l’esito della competizione del 20 ottobre, augurando a Carmen Vecchione di rinnovare il successo e l’apprezzamento che già da tempo riscuote a livello nazionale, frutto di un incessante lavoro di ricerca, di una incrollabile passione per il suo lavoro e dell’amore che pone in tutte le sue mirabili ricette. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui