La Scandone si aggiudica una gara complicata e rimane nella serie. I padroni di casa hanno quasi sempre condotto e sono stati in grado di dare lo strappo decisivo nel terzo quarto, trascinati da un Sousa da 11 punti nel solo terzo tempo. Gara 4 si disputerà domenica, quando i biancoverdi avranno la possibilità di impattare la serie sul 2 a 2.

La Partita

Monina e Marra vanno subito a segno, mentre per Reggio ci pensa Mascherpa ad aprire le marcature. Sousa ristabilisce le distanze ma si iscrive alla gara anche Genovese che spara da tre. Costa e Monina continuano a produrre ma è ancora Genovese a tenere i suoi vicini, prima della tripla di Barrile che vale l’11-13. Si aggiunge alla festa anche Gobbato, che prima scocca una tripla e poi fa uno su due dalla lunetta per il +6. La reazione biancoverde è affidata a Monina, in grande spolvero anche nell’ultima gara, ma Barrile e Genovese segnano ancora per il 15-22, punteggio con il quale si chiude il primo quarto.

Sousa fa uno su due dalla lunetta ma Barrile continua ad andare a segno da tre e scava un divario ampio 9 punti. Prunotto fa bottino pieno dalla lunetta ma è Riccio a guadagnare ancora 3 liberi e a mandarli a segno per il meno 5 dei suoi. Monina, però, incappa in un ingenuo terzo fallo e torna a sedersi in panchina con ancora quasi 7 minuti sul cronometro del quarto. Bolignano chiama comunque  time out. Il buon momento biancoverde continua grazie a Mazzarese e, ancora, a Riccio che segna da tre per il 28 pari. Poco dopo Riccio segna ancora, stavolta in penetrazione, e griffa il sorpasso. La Viola ferma di nuovo il match. La gara procede sui binari dell’equilibrio finché Ani non completa un 5-0 che vale il 39-35. La Viola, però, risponde immediatamente affidandosi a Genovese per l’ennesima tripla. Nessun problema perché Marra restituisce pan per focaccia e la Scandone sale 42-39. Sebrek trova due punti nella spazzatura del match e Robustelli chiama minuto per disegnare l’ultimo possesso. Rimessa riuscita grazie a Costa e primo tempo che si chiude 44-41.

Gobbato segna immediatamente da tre ma Sousa sale finalmente in cattedra e confeziona un 8-0 che porta i padroni di casa sul 52-44. Torna in gara anche Monina che allunga il parziale a 10 punti e forza il time out della Viola sul 54-44. Il minuto di sospensione sortisce l’effetto sperato da Bolignano grazie alla tripla di Gobbato e al canestro di Barrile, ma la Scandone c’è e risponde con un’altra tripla di Sousa. Gobbato perdona dalla lunetta un errore dello stesso Sousa che aveva regalato tre liberi (tutti falliti dal numero 25 in canotta neroarancio) e la Scandone scappa a +13 con 5 punti consecutivi di Marra. Ancora una volta time out per gli ospiti sul 64-51. Barrile prova a rimettere i suoi in partita con un assist e un canestro, ma Fall rovina tutto con un ingenuo tecnico, che è anche il suo quarto fallo. Sousa fallisce il libero e Genovese continua a cucire lo strappo col canestro del meno 7. Sousa si riscatta tagliando in due la difesa calabrese, ma l’ultima parola nel quarto è di Barrile che sigla il 66-59.

Marra e Mazzarese segnano due pesantissimi canestri da tre per aprire il quarto. Poco dopo Marra si ripete e trascina i suoi al +15 sul 75-60. Mascherpa segna e subisce fallo e la Viola inizia a sfruttare il bonus già acquisito dopo tre soli minuti mandando Fall e proprio Mascherpa in lunetta per tornare a meno 10. Sousa sfrutta un contropiede e hiude un gioco da tre punti e riporta i suoi a +12, ripetendosi poco dopo. Fall tiene vivi i suoi e Barrile segna la tripla del meno 9.  Genovese ancora dalla linea della carità fa meno 7 e Reggio fallisce un paio di occasioni per tornare a meno 5. Monina si fa trovare ancora pronto a rimbalzo e porta lo score sull’82-73. Fall segna da sotto ma protesta e si becca il secondo tecnico della sua partita e quindi beccandosi l’espulsione. Riccio segna il libero e Marra fa uno su due nell’azione successiva, ma la Scandone concede un gioco da tre a Mascherpa che tiene la partita ancora in bilico. È ancora Marra a trovare punti facili quando la Scandone supera la pressione degli ospiti e a nulla servono i due liberi guadagnati da Macherpa perché i padroni di casa riescono a gestire e chiudono vincendo gara 3 87-82.

Scandone Avellino: Costa 4, Marra 21, Sousa 21, Ani 5, Riccio 15, Monina 14, Mazzarese 6, Scianguetta, Mraovic 1, Trapani.

 

Viola Reggio Calabria: Fall 7, Romeo, Macherpa 16, Genovese 22, Roveda 3, Frascati, Prunotto 3, Sebrek 2, Gobbato 12, Barrile 17.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui