Nuovo farmaco può ridurre il rischio di Ictus, scoperta sensazionale

Un nuovo farmaco anti-coagulazione può ridurre il rischio di ictus ricorrenti: lo ha svelato una recente ricerca americana

Secondo uno studio pubblicato su The Lancet Neurology, un farmaco sperimentale progettato per bloccare le proteine ​​della coagulazione del sangue può ridurre il rischio di ictus ricorrenti.

Nuovo trattamento di prevenzione dell'ictus
Un nuovo farmaco anti-coagulazione può ridurre il rischio di ictus ricorrenti (ilciriaco.it)

Secondo l’American Heart Association, ogni anno più di 795.000 persone negli Stati Uniti subiscono un ictus e quasi 1 su 5 andrà incontro a un altro. Quando i pazienti presentano sintomi neurologici transitori dovuti a un ictus minore, ci sono farmaci che impediscono loro di averne uno ulteriore.Tuttavia, molto spesso non sono efficaci. Di seguito, scopriamo il nuovo farmaco sperimentale, che potrebbe salvare la vita a milioni di persone.

Scoperto un nuovo farmaco contro l’ictus: i risultati sono avvincenti

Sebbene l’ictus iniziale non sia sempre invalidante, l’effetto cumulativo può portare una persona a necessitare di cure in una casa specializzata o in una struttura di riabilitazione: per questo motivo, ai pazienti che hanno recentemente avuto un ictus minore vengono spesso somministrati farmaci anti-coagulazione per prevenirne altri. Precedenti ricerche hanno dimostrato che le persone con una carenza di fattore XI, una proteina nota per svolgere un ruolo nella coagulazione del sangue, hanno tassi più bassi di ictus ischemico. Si tratta del tipo più comune di ictus durante il quale un coagulo blocca il flusso di sangue e ossigeno al cervello.

Il farmaco che riduce il rischio di ictus
Studio su Lancet evidenzia efficacia di un farmaco come trattamento per ridurre il rischio di ictus (ilciriaco.it)

Nell’attuale studio, più di 2.300 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un regime di farmaci anti-coagulazione insieme a diversi dosaggi una o due volte al giorno di milvexian, un farmaco progettato per inibire il fattore XI. Dopo 90 giorni, i ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica e hanno scoperto che i partecipanti che avevano ricevuto 50-100 mg di milvexian due volte al giorno mostravano un rischio leggermente inferiore di ictus ricorrente rispetto al placebo.

“Sembra che il farmaco funzioni per prevenire l’ictus clinico. Non lo sappiamo con certezza, ma sembra che sia così, e questo ci ha permesso di scegliere una dose che raggiunga il punto giusto di riduzione del rischio di ictus senza aumentare il rischio di sanguinare troppo”, ha detto Bernstein, coautore dello studio. Andando avanti, Bernstein e i suoi collaboratori utilizzeranno i risultati dello studio per identificare una dose raccomandata da testare in un ampio studio clinico.

“Ora che siamo in grado di utilizzare questi dati per identificare una dose che raggiunga il punto giusto, il passo successivo è quello di fare un ampio studio randomizzato in cui i pazienti ricevono la terapia standard o la terapia standard più questo nuovo farmaco e vedono a 90 giorni se hanno meno ictus senza più sanguinamento”, ha detto Bernstein. “Se ciò dovesse accadere, avremo un nuovo agente per aiutare a prevenire che i pazienti abbiano ictus sotto il nostro naso, cosa che accade attualmente.”

Impostazioni privacy