Ritenzione idrica e gambe pesanti, segui questa routine ogni giorno e guarda che accade: risultati pazzeschi

Ti senti gonfio, hai difficoltà a togliere gli anelli, le tue caviglie sono raddoppiate di volume? Molto probabilmente soffri di ritenzione idrica.

Si tratta di un disturbo generalmente benigno, che colpisce più le donne che gli uomini. Il corpo è composto per il 65-70% da acqua: due terzi sono intrappolati all’interno delle cellule (è il liquido intracellulare), il resto si trova all’esterno (liquido extracellulare), cioè nei vasi sanguigni (plasma), o tra le cellule (fluido interstiziale).

Ritenzione idrica
Molto probabilmente soffri di ritenzione idrica – Ilciriaco.it

Per mantenere questo equilibrio, il corpo dispone di un sistema che regola la filtrazione e il riassorbimento dell’acqua tra i vasi, i tessuti e gli spazi interstiziali. Capita però che fallisca e che l’acqua si infiltri nei tessuti e rimanga intrappolata: questo provoca un accumulo di acqua nei tessuti, si tratta di ritenzione idrica.

Ritenzione idrica e gambe pesanti: cause e rimedi

Le cause della ritenzione idrica sono molteplici, possono variare da persona a persona e possono essere cumulative nella stessa persona. Il sintomo principale della ritenzione è il gonfiore dei tessuti. Questi gonfiori possono interessare varie parti del corpo. Tuttavia, in genere colpiscono i piedi, le caviglie e le gambe.

Il sintomo principale della ritenzione
Ritenzione idrica – Ilciriaco.it

In alcuni casi, l’edema può colpire anche la pancia o il viso: è soprattutto il caso durante il periodo premestruale, dove molte donne hanno la pancia gonfia e soffrono di gonfiore, o sotto l’effetto di alcuni trattamenti (in particolare i corticosteroidi) che danno gonfiore.

Altro segno caratteristico è l’aumento di peso rapido e inspiegabile. Non si tratta dei chili che avresti accumulato dopo aver mangiato troppo, ma di una notevole fluttuazione del tuo peso in sole 24 ore senza che tu cambi la tua dieta.

A parte le cause patologiche, il trattamento di questi tipi di gonfiori si basa essenzialmente su misure dietetiche. In termini di dieta, le persone soggette a ritenzione devono apportare alcune modifiche a seconda dell’origine del problema:

  • Riduci il consumo di sale
  • Adottare una buona idratazione
  • Evitare il consumo di alcol;
  • Consumare proteine
  • Consumare cibi con proprietà drenanti
  • Suddividere i pasti.

Puoi anche limitare la ritenzione idrica adottando alcuni accorgimenti nelle tue abitudini:

  • Fare sport: per migliorare il ritorno venoso si consiglia di praticare un’attività fisica regolare ed evitare di stare in piedi o seduti per periodi prolungati.
  • Sollevare le gambe in posizione distesa: a letto, sollevare le gambe riduce il rischio di edemi degli arti inferiori, favorendo il ritorno venoso.
  • Evitare di indossare abiti troppo stretti.
  • Evitare di accavallare le gambe.
  • Evitare il sole: per le persone sensibili, evitare l’esposizione al calore.
Impostazioni privacy