Rivelati i tratti della personalità associati al rischio di demenza: il nuovo studio

Uno studio recente ha trovato una connessione tra alcuni tratti della personalità e il rischio di demenza senile: ecco cosa è stato scoperto

Una recente analisi pubblicata su Alzheimer’s and Dementia, la rivista dell’Associazione Alzheimer, ha scoperto un legame tra la possibilità di sviluppare demenza e la propria personalità.

rischio di demenza e personalità
Un nuovo studio rivela i tratti della personalità associati al rischio di demenza (ilciriaco.it)

I dati hanno preso spunto da otto studi, per un totale di 44.531 persone di età compresa tra 49 e 81 anni. Del gruppo, 1.703 persone hanno sviluppato demenza. I partecipanti hanno preso parte a valutazioni della personalità e sono stati sottoposti a esami del cervello dopo il loro decesso.

I ricercatori hanno confrontato le diagnosi di demenza con i “cinque grandi” tratti della personalità, che sono affabilità, apertura, estroversione, coscienziosità e nevroticismo. Hanno anche confrontato le diagnosi di persone che avevano una personalità che tende maggiormente verso tratti positivi come gioia, entusiasmo e fiducia e coloro che tendono ad avere più emozioni come rabbia, nervosismo e paura. Di seguito, scopriamo cosa è stato scoperto.

Demenza senile: ecco chi è più a rischio

Secondo il dottor Joel Salinas, professore assistente clinico di neurologia presso la NYU Langone Health, le persone che avevano alti livelli di nevroticismo e quelle con sentimenti negativi “avevano un rischio maggiore di sviluppare demenza a lungo termine.  Al contrario, i ricercatori hanno scoperto che le persone con affetti o tratti di personalità positivi, tra cui estroversione e coscienziosità, avevano un rischio inferiore di sviluppare la malattia. Coloro che sono estroversi hanno una vita sociale più robusta e traggono energia dalla presenza degli altri; qualcuno che è coscienzioso è considerato responsabile, organizzato e orientato agli obiettivi.

fattori di rischio demenza
Le persone con personalità legate a diagnosi di demenza possono avere determinati fattori di rischio (ilciriaco.it)

Vale la pena notare che, mentre i ricercatori hanno trovato un’associazione tra i tratti della personalità e il rischio di diagnosi di demenza, non è stato trovato un chiaro legame tra la personalità e l’evidenza di una malattia di base. Quindi, anche se lo studio suggerisce che le due cose potrebbero essere correlate, i ricercatori non sanno ancora se il tipo di personalità sia una causa diretta di demenza.

Secondo il dottor Riddhi Patira, leader del consorzio sulla demenza frontotemporale presso il Centro di ricerca sulla malattia di Alzheimer dell’Università di Pittsburgh, lo studio ha valutato le diagnosi cliniche di demenza, ma il tipo di demenza non è chiaro, se sia Alzheimer o problemi generali di memoria, per esempio.

Le persone con personalità legate a diagnosi di demenza più elevate possono avere determinati fattori di rischio. Ad esempio, le persone nevrotiche o ansiose spesso hanno più difficoltà a dormire rispetto a quelle che non lo sono. “E il sonno è importante per un certo drenaggio nel cervello… che è importante per ridurre l’infiammazione e il rischio di Alzheimer”, ha spiegato Patira. Inoltre, rispetto alle persone felici o a quelle positive o estroverse, le persone con un atteggiamento più negativo hanno maggiori probabilità di essere isolate e di avere tassi più elevati di depressione, ha detto Patira. La depressione potrebbe avere un impatto sulle abitudini di vita come la dieta e l’esercizio fisico, che sono importanti per ridurre il rischio di demenza.

Impostazioni privacy