Influenza, molto meglio prevenirla che combatterla: ecco cosa devi fare subito

Lo sapevi che in realtà è molto più semplice prevenire l’influenza che curarla? Tutto quello che devi fare per non starnutire neanche una volta.

Se c’è chi con l’influenza riesce a condurre una vita abbastanza “normale” ed esce anche per andare a lavoro o al supermercato – condotta questa non proprio esemplare perché si corre il rischio di contagiare gli altri, ma in questo caso si dovrebbe parlare anche di una non pervenuta educazione al riposo che permea soprattutto la società occidentale – c’è chi non riesce nemmeno ad alzarsi dal letto, specialmente se la notte ha dormito poco e nulla a causa del naso chiuso.

Come prevenire influenza
L’influenza può essere estremamente insidiosa – Ilciriaco.it

Insomma, il rapporto col raffreddore possiamo dire come sia abbastanza personale. Una cosa è certa però: lo sapevi che è molto più semplice prevenire che non curare l’influenza che può durare per alcuni anche 2 settimane costringendo a vivere una vita simile a quella degli zombie? Intanto va specificato come dal contagio allo sviluppo della malattia passino di solito 3 giorni.

Al terzo giorno poi fanno comparsa in tutto il loro splendore i sintomi che conosciamo e odiamo bene. Di solito, infatti, chi ha il raffreddore può sperimentare, oltre a una sensazione di malessere diffuso, anche febbre alta, mal di testa, mal di gola e dolori articolari e muscolari. Insomma, non proprio il massimo. Ma cosa causa l’influenza?

Come prevenire l’influenza: tutto quello che c’è da sapere per prestare la massima attenzione

Come ha spiegato al settimanale ‘Nuovo‘ il dottor Marco Trifogli, l’influenza stagionale è “causata da un virus che entra nel corpo attraverso la bocca e il naso, veicolato da goccioline di saliva e secrezioni nasali che infettano le prime vie respiratorie“. Coprirsi quindi quando c’è freddo potrebbe non essere sufficiente se si entra a contatto diretto col virus.

Come prevenire influenza
Far arieggiare le stanze è importantissimo – Ilciriaco.it

Questo, infatti, poi penetra nelle cellule moltiplicandosi e una volta moltiplicato aggredisce le mucose di naso, faringe e laringe provocando la rottura delle cellule superficiali che le rivestono con la conseguente tosse secca. Cosa fare allora per evitare il contagio? Esistono delle strategie di prevenzione che si possono mettere in pratica.

Innanzitutto, bisogna fare areare le stanze bene per evitare appunto che circoli sempre la solita aria stagnante dopo un po’. Quando si avverte “puzza di chiuso” insomma, sarebbe meglio aprire le finestre e far cambiare aria. Poi si dovrebbero evitare i luoghi affollati per non entrare in contatto col virus influenzale e infine si può anche scegliere la vaccinazione presso l’Asl di riferimento o il proprio medico di famiglia che è anche gratuita per bambini, donne incinte e over 65.

Impostazioni privacy