Bonus 100euro, come richiedere gli arretrati? Puoi avere i rimborsi del 2023

Bonus da 100 € scopri come richiedere gli arretrati e non farti cogliere impreparato, tutte le dritte in merito. 

Esistono numerosi bonus a disposizione dei cittadini italiani, queste misure sono state introdotte dal governo con lo scopo di aiutare chi si trova in una situazione di difficoltà. Il trattamento integrativo di 100 € in busta paga, è stato confermato anche per il 2024, questo aiuto chiaramente prevede dei requisiti minimi per poter ottenere il bonus

Bonus, come chiedere gli arretrati
Bonus 100 euro- (ilciriaco.it)

Rispetto allo scorso anno, ci sono dei cambiamenti riguardo le regole di calcolo, per questa ragione è importante informarsi al meglio su tutte le piccole variazioni, vediamo quali sono i casi specifici in cui potrà essere richiesto il bonus e come si fa per effettuare la domanda, scopriamo insieme tutti i dettagli.

Bonus da 100 €, ecco come ottenere gli arretrati

Il bonus da 100 €, prevede un requisito reddituale, infatti a poterlo ottenere sono i contribuenti che hanno un reddito fino a 15.000 €, in questo caso si avrà diritto alla misura massima del bonus. Chi ha un reddito superiore a 28.000 € non potrà più beneficiare del bonus nel 2024. Ciò dipende dal fatto che questa tipologia di bonus è mirata esclusivamente ai lavoratori che si trovano in una situazione di forte difficoltà.

Bonus 100 euro, arretrati
Bonus 100 euro- (ilciriaco.it)

Sono stati introdotti alcuni cambiamenti riguardo le regole di calcolo, per mettersi in regola infatti sarà necessario essere a conoscenza delle novità apportate riguardo le detrazioni di lavoro dipendenti e dell’accorpamento delle due aliquote Irpef, entrambe le misure sono state introdotte dalla legge di bilancio 2024. Il suddetto bonus viene erogato fino a un massimo di 1200 € all’anno, è pensato per i lavoratori dipendenti. La modalità di erogazione, deve essere anticipata dai datori di lavoro che potranno riprendere i soldi direttamente dallo Stato.

Sarà infatti il datore di lavoro a dover riconoscere mensilmente al dipendente una somma massima di 100 € in busta paga, il bonus è destinato a tutti coloro che non superino un reddito annuo lordo di 28.000€. Il trattamento integrativo Irpef è un incentivo che riguarda il decreto cura Italia, è stato introdotto nel 2020 e ha subito diverse variazioni nel corso del tempo, da 80 € infatti è arrivato a 100€. Riguardo questa misura non ci sono state modifiche nel corso della legge di bilancio 2023.

Per quanto riguarda il 2024,  il bonus da 100 €, è destinato alle stesse categorie di persone, è mirato infatti a soci lavoratori di cooperative, a dipendenti in cassa integrazione, a collaboratori con contratto a progetto, a stagisti e tirocinanti, a chi percepisce una borsa di studio, ai lavoratori socialmente utili, ai sacerdoti, ai disoccupati con indennità, ai disoccupati agricoli, a chi è in maternità, agli amministratori comunali e agli ha addetti della pubblica amministrazione. A non poter accedere al bonus, restano i pensionati, i lavoratori autonomi e chiaramente chi non soddisfa il requisito reddituale.

Impostazioni privacy